Contenuto sponsorizzato

I sindacati: ''Nell'assestamento non c'è un euro per il pubblico impiego, grave e in controtendenza rispetto al nazionale, in Alto Adige già +4,8%. Pronti a mobilitarci''

I sindacati lanciano l'allarme per l'assenza di risorse in materia pubblica amministrazione. Diaspro (Cgil Fp), Pallanch (Cisl Fp) e Tomasi (Uil Fpl): "Per i quasi 15 mila dipendenti del comparto delle Autonomie locali e per i quasi 8 mila del comparto sanità non c’è un euro per il rinnovo del contratto. A livello nazionale e in Alto Adige situazione diversa, rischiamo di essere i peggiori in Italia"

Pubblicato il - 06 agosto 2019 - 13:27

TRENTO. "E' una scelta molto grave, in controtendenza persino con quanto avviene invece a livello nazionale dove sono state stanziate risorse, seppur ancora insufficienti", queste le parole di Luigi Diaspro (segretario della Fp Cgil), Giuseppe Pallanch (segretario della Cisl Fp) e Marcella Tomasi (segretaria della Uil Fpl), che aggiungono: "In Alto Adige sul tavolo c’è già il 4,8% di aumento oltre all'adeguamento generalizzato del buono pasto a 7 euro: la situazione trentina rischia di essere la peggiore nel panorama del pubblico impiego, un segnale chiaro e forte che non ha mancato di sollevare malumore e proteste tra gli addetti".

 

I sindacati lanciano l'allarme per l'assenza di risorse in materia pubblica amministrazione. "Per i quasi 15 mila dipendenti del comparto delle Autonomie locali, quali Pat e Enti strumentali, Comuni e Comunità di valle, Apsp, e i quasi 8 mila del comparto sanità non c’è un euro, nell’assestamento di bilancio licenziato dal consiglio provinciale, per il rinnovo del contratto".

 

La richiesta di Cgil, Cisl e Uil è quella di avere risorse certe e immediate per dare continuità e coerenza al contratto 2016/18 in grado di dare una prima risposta dopo otto anni di blocchi di retribuzioni, carriere e assunzioni, per rimettere al centro un sistema dei servizi pubblici che va profondamente riorganizzato, innovato e implementato, vero volano economico e sociale per cittadini e imprese del territorio.

 

"E' necessario - proseguono Diaspro, Pallanch e Tomasi - partire dall’immediata attivazione di un tavolo di condivisione con la giunta provinciale sul nuovo assetto istituzionale del Trentino, alla luce della continua revisione e modificazione della legge provinciale del 2006, gestioni associate in primis, che tanti problemi sta determinando in termini di efficienza dei servizi e di gestione e carichi di lavoro del personale".

 

Un altro nodo è la necessaria e immediata attivazione del tavolo paritetico per la revisione dell’Ordinamento professionale, "previsto - evidenziano i sindacati - dall’articolo 168 dell'accordo, questo per l’adeguamento del sistema classificatorio e la valorizzazione delle competenze professionali rispetto alle declaratorie di oltre 20 anni fa, con il giusto riconoscimento e incentivo al valore e alla qualità del lavoro".

 

Le parti sociali prendono atto dei 2,9 milioni per la chiusura delle cosiddette "code contrattuali" del triennio 2016/2018. "Non è però chiaro - aggiungono Diaspro, Pallanch e Tomasi - neppure a livello di tavolo in Apran, in che modo e con che tempi s’intende procedere: riteniamo in ogni caso necessario un avanzamento generale e sistematico dei vari settori e professionalità, in grado di cogliere appieno la complessità del sistema pubblico".

 

Un tema riguarda anche i pensionamenti. "Sull’aumento al 3% del budget per le assunzioni di personale provinciale - commentano Cgil, Cisl e Uil - quantificabile in circa 20 milioni nel prossimo triennio e che giudichiamo un segnale di avvio, attendiamo di conoscere con urgenza il piano assunzionale e la calendarizzazione dei relativi bandi che dovrebbe compensare le oltre 500 uscite previste tra uscite ordinarie e quota 100 nella Provincia".

 

Sempre sul versante assunzioni, diverse le questioni che permangono invece nei Comuni e nelle Apsp, i sindacati sono ancora in attesa di conoscere le ricadute del protocollo sulle stabilizzazioni del personale precario. "Registriamo - continuano i sindacati - inoltre l’assenza di risorse specifiche per le progressioni economiche del personale di ricerca pubblico, per il quale non si convoca neppure il tavolo per la chiusura del triennio 16/18".

 

La richiesta è quella di fissare un vertice per pianificare il comparto pubblico. "In questo quadro - concludono Diaspro, Pallanch e Tomasi - avanziamo unitariamente la richiesta al presidente Maurizio Fugatti affinché convochi con urgenza le parti sindacali delle categorie del pubblico impiego per l’implementazione dei tavoli per la chiusura del triennio 16/18 e per la Commissione sull’ordinamento professionale, ma soprattutto per l’individuazione delle risorse per il rinnovo 19/21 e la condivisione sull’assetto istituzionale trentino. In caso di assenza di riscontro, non escludiamo iniziative a partire dai luoghi di lavoro".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:44

Un bilancio delle ultime 24 ore aggravato dai 2 morti che porta il totale delle vittime da inizio epidemia a 296 persone, mentre i positivi salgono a 5.302 casi. Il rapporto contagi/tamponi al 10%, una persona testata ogni 10 è risultata infetta, un trend simile a quello di Trento

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

21 ottobre - 11:15

Sono 1422 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, 1083 nella sola notte. Il numero di vittime sale a 2282, dopo che dalle 17 di martedì 20 ottobre i decessi sono stati 5, ben 14 dalle 8. Proprio ieri il presidente Luca Zaia aveva presentato il nuovo piano di sanità pubblica in 5 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato