Contenuto sponsorizzato

Addetti alle pulizie, ancora invisibili e in attesa da 7 anni di un rinnovo del contratto. I sindacati: ''La Pat ora si faccia carico del bonus Covid''

Filcams, Fisascat e Uiltrasporti intervengono sul rinnovo del contratto multiservizi e sul premio provinciale Covid. I sindacati: “La Provincia si faccia carico del bonus Covid per queste lavoratrici”. Attenzione massima sui nuovi bandi delle pulizie per gli enti e la sanità"

Pubblicato il - 06 ottobre 2020 - 12:40

TRENTO. Per molti sono invisibili ma loro non si fermano mai, ogni giorno puliscono, igienizzano spazi e lo hanno continuato a fare anche durante la pandemia che li ha costretti, anzi, a lavorare ancora di più in condizioni, purtroppo, non sempre adeguate.

 

Dovrebbe essere un lavoro importante ma viene fatto in condizioni pessime con un contratto nazionale scaduto da sette anni e che ancora oggi non si trova la quadra per rinnovare.  Ma non solo perché vanno ad aggiungersi la beffa del premio covid provinciale e il far west di appalti che continua ad andare avanti.

 

A lanciare l'allarme sono i sindacati trentini che proprio domani terranno un incontro con tutti i delegati sparsi sul territorio per discutere della situazione e decidere quali azioni intraprendere.  “La pandemia ha reso il loro lavoro preziosissimo – spiegano - però le loro condizioni sempre pessime tanto che da sette anni sono in attesa di un contratto che non arriva. Sono gli addetti e le addette alle pulizie e alla sanificazione, figure di cui ci si è accorti nei momenti più drammatici dell’emergenza sanitaria, ma l’attenzione è durata poco e nell’arco di qualche mese i buoni propositi e la riapertura del tavolo contrattuale sono scemati”.

 

Così il rinnovo del contratto nazionale, scaduto da sette anni, è ancora un miraggio e i lavoratori e le lavoratrici sono spesso vittime di appalti al massimo ribasso che tagliano il costo del lavoro peggiorando le loro condizioni. A questo, come già detto, si aggiunge la questione del premio provinciale Covid, che per le lavoratrici del settore potrebbe rivelarsi una beffa.

 

Per quanto riguarda gli appalti le tre sigle sindacali ricordano che per moltissimi di questi addetti i cambi appalto comportano un peggioramento delle condizioni di contrattuali e retributive. “In Trentino abbiamo posto un argine a questa deriva almeno sul fronte pubblico con la nuova legge sugli appalti e la cancellazione del maxi-appalto delle pulizie negli enti locali, adesso però attendiamo la definizione del nuovo bando di gara e attendiamo di essere coinvolti preventivamente – fanno notare le sindacaliste Paola Bassetti e Francesca Delai, Francesca Vespa e Antonella Didu -. E’ indispensabile che le nuove regole mettano nero su bianco il mantenimento delle stesse condizioni contrattuali e retributive”.

 

I sindacati non sono disposti a fare sconti neppure sulla questione del premio provinciale Covid. “La Provincia ha previsto la compartecipazione al bonus da parte delle ditte in appalto. Senza questa condizione Piazza Dante non eroga il premio – sottolineano Bassetti, Delai, Vespa e Didu-. Per noi questo è solo un modo per scaricare le responsabilità su altri. Il premio deve essere erogato interamente dalla Provincia. Se così non è si dividono i lavoratori tra serie A e serie B e a rimetterci sono sempre i più deboli. Alle parole devono seguire i fatti in questo modo, ci sembra invece che per l’ennesima volta le addette alle pulizie vengano prese in giro”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 19:52
Sono 317 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 5 decessi, mentre sono 22 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività
19 gennaio - 22:21

I senatori di Italia Viva, come annunciato nel corso del pomeriggio, si sono astenuti dal voto. Alla fine il Governo è riuscito ad incassare la fiducia anche al Senato ma non c'è la maggioranza assoluta

19 gennaio - 20:34

Il dialogo con Roma sulla classificazione dell'Alto Adige e la situazione epidemiologica sono stati temi della seduta odierna della Giunta provinciale. C'è un aumento dei pazienti in terapia intensiva. Il governatore altoatesino: "Dati stabili, ma ci sono alcuni incrementi: se questo trend dovesse essere confermato anche nei prossimi giorni dovremo adottare misure restrittive"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato