Contenuto sponsorizzato

Case di riposo, i sindacati rispediscono le accuse sull'esposto di alcuni familiari: ''Illazioni gravi e diffamatorie. Gli operatori dimostrano grande professionalità e dedizione''

La presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil dopo che alcuni familiari si sono rivolti a Codacons e Procura per riferire di "anziani rinchiusi con gravi limitazioni di libertà". I sindacati: "L’assistenza erogata dal personale sanitario e assistenziale è mirata alla tutela dei più deboli e non può in alcun modo essere infangata da alcun tipo di strumentalizzazione"

Pubblicato il - 10 October 2020 - 11:33

TRENTO. "E' sconcertante che gli operatori nelle case di riposo siano oggetto di illazioni diffamatorie per presunto abbandono degli anziani". Così Luigi Diaspro (Fp Cgil), Giuseppe Pallanch (Cisl Fp) e Marcella Tomasi (Uil Fpl), che aggiungono: "Hanno lavorato in condizioni difficilissime, le persone sono state assistite con professionalità e dedizione".

 

Questa la presa di posizione dei sindacati dopo che alcuni familiari si sono rivolti a Codacons e Procura per riferire di "anziani rinchiusi con gravi limitazioni di libertà". "L’assistenza erogata dal personale sanitario e assistenziale - proseguono Diaspro, Pallanch e Tomasi - è mirata alla tutela dei più deboli e non può in alcun modo essere infangata da alcun tipo di strumentalizzazione. Le decisioni di limitare i contatti con i cari, attraverso decisioni sofferte ma necessarie per un'emergenza sanitaria senza precedenti, non ha mai determinato una diminuzione delle attenzioni prima di tutto umane e poi sanitarie e assistenziali agli anziani ospiti da parte del personale".

 

Le parti sociali rispediscono tutto al mittente, soprattutto alla luce di questa fase dell'emergenza coronavirus che vede una recrudescenza dell'epidemia, anche in Trentino. "Non può venire meno il rispetto per le lavoratrici e i lavoratori delle strutture, che si sono spesso ammalate sul posto di lavoro, senza mai far venir meno cura e assistenza. Rigettiamo le accuse implicite ed esplicite rivolte agli operatori che rappresentiamo e assicuriamo sin d'ora le tutele necessarie per dimostrare l'infondatezza di questo gravissimo addebito", concludono Diaspro, Pallanch e Tomasi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 novembre - 19:00
Secondo la presidente del Comitato per la legalità e la trasparenza ed ex consigliera comunale a Rovereto, molti cittadini lamenterebbero tempi [...]
Cronaca
29 novembre - 20:00
Trovati 64 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 31 guarigioni. Sono 53 i pazienti in ospedale. Sono 836.703 le dosi di [...]
Cronaca
29 novembre - 19:02
I centri vaccinali dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari saranno aperti in via eccezionale dalle 6 alle 24 per una vera e propria [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato