Contenuto sponsorizzato

Case di riposo, i sindacati rispediscono le accuse sull'esposto di alcuni familiari: ''Illazioni gravi e diffamatorie. Gli operatori dimostrano grande professionalità e dedizione''

La presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil dopo che alcuni familiari si sono rivolti a Codacons e Procura per riferire di "anziani rinchiusi con gravi limitazioni di libertà". I sindacati: "L’assistenza erogata dal personale sanitario e assistenziale è mirata alla tutela dei più deboli e non può in alcun modo essere infangata da alcun tipo di strumentalizzazione"

Pubblicato il - 10 ottobre 2020 - 11:33

TRENTO. "E' sconcertante che gli operatori nelle case di riposo siano oggetto di illazioni diffamatorie per presunto abbandono degli anziani". Così Luigi Diaspro (Fp Cgil), Giuseppe Pallanch (Cisl Fp) e Marcella Tomasi (Uil Fpl), che aggiungono: "Hanno lavorato in condizioni difficilissime, le persone sono state assistite con professionalità e dedizione".

 

Questa la presa di posizione dei sindacati dopo che alcuni familiari si sono rivolti a Codacons e Procura per riferire di "anziani rinchiusi con gravi limitazioni di libertà". "L’assistenza erogata dal personale sanitario e assistenziale - proseguono Diaspro, Pallanch e Tomasi - è mirata alla tutela dei più deboli e non può in alcun modo essere infangata da alcun tipo di strumentalizzazione. Le decisioni di limitare i contatti con i cari, attraverso decisioni sofferte ma necessarie per un'emergenza sanitaria senza precedenti, non ha mai determinato una diminuzione delle attenzioni prima di tutto umane e poi sanitarie e assistenziali agli anziani ospiti da parte del personale".

 

Le parti sociali rispediscono tutto al mittente, soprattutto alla luce di questa fase dell'emergenza coronavirus che vede una recrudescenza dell'epidemia, anche in Trentino. "Non può venire meno il rispetto per le lavoratrici e i lavoratori delle strutture, che si sono spesso ammalate sul posto di lavoro, senza mai far venir meno cura e assistenza. Rigettiamo le accuse implicite ed esplicite rivolte agli operatori che rappresentiamo e assicuriamo sin d'ora le tutele necessarie per dimostrare l'infondatezza di questo gravissimo addebito", concludono Diaspro, Pallanch e Tomasi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato