Contenuto sponsorizzato

Cgil, Cisl e Uil: ''Le forze dell'ordine non possono restare a casa. Servono i Dispositivi di protezione individuale e maggiore attenzione''

I sindacati evidenziano che i Protocolli nazionali e locali creano non poche difficoltà nell'applicazione pratica in questo settore perché sono assenti le indicazioni specifiche che dovrebbero venire dai Comuni di appartenenza

Pubblicato il - 15 marzo 2020 - 19:26

TRENTO. Una criticità legata all'emergenza coronavirus è la carenza di Dispositivi di protezione individuale. "E' fondamentale - spiegano Diaspro, Giuseppe Pallanch (Cisl Fp) e Marcella Tomasi (Uil Fpl) - che i cittadini rispettino le regole. A controllare che le indicazioni vengano rispettate ci sono poliziacarabinieri polizia locale che tutti i giorni presidiano il nostro territorio. Mancano indicazioni sanitarie, mancano i Dpi, manca un vero riconoscimento del grande servizio che viene portato avanti".

 

I sindacati evidenziano che i Protocolli nazionali e locali creano non poche difficoltà nell'applicazione pratica in questo settore perché sono assenti le indicazioni specifiche che dovrebbero venire dai Comuni di appartenenza.

"Chiediamo - aggiungono Cgil, Cisl e Uil - con forza ai sindaci trentini di farsi carico della sicurezza di questi loro dipendenti che tutti i giorni, compresi questi di grande emergenza sanitaria, sono sulle strade della nostra Provincia a presidiare la sicurezza di tutti noi".

 

Le parti sociali richiedono un intervento e un'attenzione per questo personale che non può 'stare a casa' ma che deve essere in servizio. "Necessaria - concludono Diaspro, Pallanch e Tomasi - la fornitura di informazioni e Dpi adeguati alla loro attività. Chiediamo fin d'ora agli enti un impegno finanziario importante per riconoscere a tutto il personale che ha operato nell'emergenza sanitaria un riconoscimento economico dignitoso".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognisanti”

30 ottobre - 20:57

Questi alcuni commenti durante la diretta della Provincia per aggiornare il territorio sulla situazione epidemiologica. Rossi (Patt): "Fugatti deve dissociarsi subito e anche prendere provvedimenti altrimenti vuol dire che condivide"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato