Contenuto sponsorizzato

Cgil, Cisl e Uil: ''Tra le risorse riconosciute dal Governo, Fugatti sembra non trovare quelle per il rinnovo dei contratti pubblici: l’ennesimo smacco''

La richiesta delle parti sociali è quella di rinnovare i contratti, valorizzare il personale, assumere giovani, stabilizzare i tanti precari, internalizzare nuovamente i servizi fondamentali per il territorio, restituire dignità a una categoria di lavoratrici e lavoratori che svolge un ruolo di qualità, ampiamente riconosciuto dalle statistiche nazionali

Pubblicato il - 09 ottobre 2020 - 21:10

TRENTO. "Non ci sono risorse per rinnovare i contratti pubblici, così come soldi sulla riorganizzazione degli ordinamenti provinciali". Così Luigi Diaspro (Fp Cgil), Giuseppe Pallanch (Cisl Fp) e Marcella Tomasi (Uil Fpl).

 

"Apprendiamo - proseguono Cgil, Cisl e Uil - che il presidente Maurizio Fugatti, nel presentare al Consiglio le scelte per l’utilizzo delle ingenti risorse riconosciute dal Governo nazionale alla Pat a seguito del mancato gettito causato dall’emergenza sanitaria, non abbia fatto alcun cenno al rinnovo dei contratti pubblici scaduti il 31 dicembre 2018".

 

La richiesta delle parti sociali è quella di rinnovare i contratti, valorizzare il personale, assumere giovani, stabilizzare i tanti precari, internalizzare nuovamente i servizi fondamentali per il territorio, restituire dignità a una categoria di lavoratrici e lavoratori che svolge un ruolo di qualità, ampiamente riconosciuto dalle statistiche nazionali.

 

"Sui 217 milioni disponibili - aggiungono Diaspro, Pallanch e Tomasi - è previsto un accantonamento di 52 milioni per la definizione di alcune partite ancora aperte con il governo, 72 milioni sono destinati alle opere stradali, mentre le altre risorse per turismo, commercio e artigianato delle valli, industria, cooperazione, agricoltura, solo dopo vengono sanità, Agenzia del lavoro, Itea e Fondo di riserva dei Comuni e ricerca".

 

I sindacati mettono in luce che il pubblico impiego trentino ha dimostrato grande determinazione e capacità di mobilitazione a sostegno della propria professionalità ed efficienza. "Oltre agli approfondimenti legali - evidenziano Diaspro, Pallanch e Tomasi - abbiamo già inviato specifica richiesta per essere convocati a breve per chiarire le intenzioni della Giunta Fugatti. Rammentiamo al presidente che i primi 20 milioni, già stanziati con la finanziaria provinciale 2020 per il rinnovo dei contratti pubblici, sono stati prima sospesi e poi usati per l’emergenza della pandemia. Quelle risorse servivano a 'coprire' poco più dell’indennità di vacanza contrattuale, regolarmente erogata a livello nazionale fin da aprile 2019".

 

Le confederazioni Cgil, Cisl e Uil ricordano anche il protocollo d'intesa tra Pat e sindacati del 13 gennaio 2020 che prevede stati di avanzamento per rinnovare i contratti 2019/21. "Con la compensazione dello Stato per il mancato gettito provinciale non ci sono più alibi: non rinnovare gli accordi - concludono Diaspro, Pallanch e Tomasi - diventerebbe una chiara scelta politica non più supportata dalla mancanza di risorse. Non funziona più la strategia di contrapporre al comparto pubblico le condizioni di altre categorie del lavoro privati. La pubblica amministrazione può e deve rappresentare strumento insostituibile di sostegno allo sviluppo e alla ripartenza del territorio. Si deve rafforzare e valorizzare, non screditare il pubblico impiego. E' grave la situazione emergenziale ancora irrisolta tra attività di prevenzione, salute, controlli, erogazione welfare, tutela e sostegno per cittadini e imprese".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato