Contenuto sponsorizzato

Confesercenti vede nero per il 2021: ''In arrivo una tempesta perfetta e una crisi senza precedenti nella storia del Trentino e del Paese''

Il vicepresidente dell'associazione del Trentino Paissan traccia un quadro a tinte molto fosche anche se per molti il prossimo sarà un anno di grande ripartenza e di spinta propulsiva come ce ne sono stati pochi nella storia. Certo tutto il mondo correrà alzandosi dagli stessi blocchi di partenza dopo una crisi mondiale che ha travolto tutti e non si tornerà a un anno fa. Anche per Paissan c'è bisogno di azioni nel breve periodo (ecco quali) e nel lungo periodo compreso un grande investimento sull'innovazione e trasformazione digitale

Di Luca Pianesi - 19 dicembre 2020 - 11:39

TRENTO. Una ''tempesta perfetta'' e ancora, ''una crisi senza precedenti nella storia del Trentino e dell'intero Paese''. E' molto pessimista il vicepresidente di Confesercenti del Trentino Mauro Paissan e il quadro che traccia per il 2021 è davvero a tinte fosche. ''La sensazione è che stiamo camminando in un tunnel al buio - spiega - da quasi un anno ormai e la strada si prospetta ancora lunga. E che nel guardare ai propri piedi, per camminare passo dopo passo cercando di non inciampare e sopravvivere all’emergenza sanitaria, la cui gestione e soluzione è certamente prioritaria perché non si discute, la salute viene prima di tutto, non riusciamo a vedere, neanche troppo in lontananza, un treno in corsa che sta per travolgerci a tutta velocità''.

 

Insomma Confesercenti è tra quelli che vedono più buio per l'ormai imminente 2021 che sarà, in realtà, certamente un anno di grandissimi cambiamenti, un anno di sviluppo e innovazione mondiale come se ne sono visti pochi nella storia. La competizione sarà ancora più globale perché tutti partiranno dai blocchi di partenza nello stesso momento e nello stesso modo (l'Italia probabilmente un po' meglio degli altri grazie all'Europa e all'iniezione senza precedenti di liquidità con oltre 200 miliardi di euro) con una ''fame incredibile'' di rilancio. Quel che è certo è che non si tornerà a ''ieri''. Modelli di business già in crisi da anni faticheranno a restare in piedi e quella che Paissan definisce la ''tempesta perfetta'' travolgerà imprese e realtà commerciali che non sono riuscite ad aggiornarsi e non si sono strutturate né economicamente né sul piano delle innovazioni. 

 

Serviranno idee, proposte, cambi di prospettiva e questo fermo obbligato imposto dalla pandemia deve essere investito da tutti per progettare il futuro più che a sperare a un ritorno al passato. Insomma il bicchiere si può vedere mezzo pieno o mezzo vuoto. Confesercenti lo vede praticamente asciutto.  

 

Ma quali sono i fattori e gli indizi che portano a questa funesta previsione per Paissan?
 

Praticamente l’intero comparto produttivo (operatori del turismo, commercio, servizi, artigianato e una parte dell’industria) non ha nel breve periodo ancora oggi una prospettiva certa di uscita dalla crisi, dovuta al perdurare dell’emergenza sanitaria che si tramuta di conseguenza in un protrarsi di quella economica. Questa condizione ci accompagnerà per gran parte del 2021. In piena crisi economica e ancora nella quasi totale incapacità di lavorare e produrre, le imprese nel primo trimestre del 2021 si ritroveranno a far fronte ad impegni finanziari insostenibili in queste condizioni. Le moratorie bancarie termineranno e le imprese dovranno ricominciare a far fronte agli impegni presi e a pagare le rate dei mutui. 

 

 

Un quadro nerissimo fatto di scadenze fiscali che, però, saranno quasi certamente ammortizzate anche dal Governo.

In contemporanea con la fine delle moratorie bancarie, da gennaio 2021 vi sarà l’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo sul default. Secondo le nuove regole dal prossimo gennaio basterà un arretrato anche di pochi euro, di oltre 90 giorni e superiore all’1% dell’esposizione totale verso l’istituto di credito per far classificare l’impresa in default. Sempre a gennaio 2021, le aziende ritorneranno a pagare le rateazioni degli arretrati fiscali, quelli pregressi degli anni precedenti e quelli del 2020; cartelle e sanzioni che per decreto sono state congelate a causa dell’emergenza Covid con l’obiettivo di dare ossigeno alle aziende. Poi dal primo settembre 2021, entrata in vigore del Codice della crisi d’impresa. L’attuazione del codice della crisi, previsto per l’agosto 2020 era stato posticipato di un anno (fatta eccezione per il comma 2)   dal D.L. 8 aprile 2020, n. 23, più comunemente conosciuto come Decreto Liquidità. La finalità ultima del nuovo Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza è quella di prevenire le situazioni di crisi attraverso adeguati sistemi di allerta. Un sistema di questo tipo potrebbe essere utile in una situazione economica stabile e non in una situazione in cui si è a forte rischio di crisi generalizzata. Nel momento economico attuale e in quello che ci si prospetta per il 2021, molto probabilmente ci troveremo nella condizione in cui gli organi di controllo societari e i creditori saranno costretti a segnalare una società che, seppur virtuosa in una situazione economica ordinaria, si troverà con indicatori anomali causati dal contesto economico post pandemico. Quindi in teoria Il Codice della Crisi risultava essere, seppur con alcuni limiti oggettivi, una buona idea in condizioni di normalità, ma direi che di normale in questo periodo non mi pare sia rimasto nulla.
 

Evidenziato il problema di questa “tempesta perfetta” che potrebbe travolgerci, cosa si dovrà fare?

Gestire la situazione in prospettiva. E’ questo credo che ci si aspetti da tutti gli attori coinvolti: le associazioni che rappresentano le imprese in primis, il mondo della Finanza e del Credito, ed ancora il Governo del territorio. Servono idee e poi azioni concrete di breve, medio e lungo respiro. Lungo termine perché il futuro non si improvvisa, va costruito e prima ancora di iniziare a costruirlo va progettato.

 

E allora ecco le proposte di Paissan nel breve e nel lungo periodo.

Breve periodo

•    Primo.  Un patto d’acciaio fra il mondo delle imprese e quello del credito per prorogare le moratorie per almeno un altro anno. Serve tempo, prima per “sopravvivere”, poi per ricominciare a camminare verso la normalità. E’ nell’interesse di tutti trovare una soluzione in questo senso.
•     Secondo. Un’azione collegiale locale e nazionale che porti il legislatore a spostare di almeno due anni l’entrata in vigore del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza.

•     Terzo.  Un’azione collegiale locale e nazionale che in tempi rapidi riesca a rivedere i meccanismi e ne attenui gli effetti ( nella sostanza e nel tempo) del nuovo regolamento europeo sul default.

•     Quarto. Un’azione collegiale locale e nazionale che porti il governo centrale a rivedere tempi e meccanismi per pagare le rateazioni degli arretrati fiscali (cartelle e sanzioni).

 

Nel lungo periodo

Serve una vision chiara di lungo termine. Un progetto condiviso (in realtà la somma di più progetti selezionati) di ampio respiro a cui agganciare il rilancio e lo sviluppo dell’economia locale e su cui investire con determinazione. Serve assumersi l’onere della scelta, perché la strada che porta dappertutto (ovvero quella del non scegliere una direzione) è tanto insostenibile quanto improduttiva.

          •        Prima di tutto serve un Grande progetto a 360 gradi sul Turismo, una colonna portante dell’economia trentina, ma su cui poggiano in modo trasversale anche gli altri comparti: commercio, artigianato, servizi e in piccola parte anche la parte di “industria” direttamente coinvolta. Quello che stiamo vivendo proprio in questo periodo ci insegna che l’economia è un sistema integrato nella realtà dei fatti e l’effetto virale di contaminazione, sia in positivo che in negativo, fra i vari comparti del tessuto economico è sotto gli occhi di tutti.  Basti pensare al tanto dibattuto tema di queste settimane, impianti sci aperti, impianti chiusi e la conseguenza che genererà sull’economia locale in senso globale una mancata stagione invernale turistica ( sì, perché comunque vada, se ci sarà, saranno briciole). Dobbiamo trarre spunto da quello che accade oggi, sebbene del tema se ne parli da anni (forse troppi), per ripensare al nostro territorio come destinazione turistica in modo differente rispetto al recente passato. Serve evolvere e anche in fretta verso un turismo differente ( ed anche un’organizzazione diversa) , a partire proprio dal mondo della montagna che rappresenta una straordinaria opportunità, ma che deve essere vista e proposta in modo differente e la cui economia risulta ormai troppo fragile. Perché le sorti sono sbilanciate e concentrate su singoli fattori (sci, neve e poco altro). Bisogna pensare ad un turismo invernale e una montagna, capaci di andare oltre lo sci. Su questo tema serve trovare il giusto equilibrio fra tradizione (che non può essere solo nostalgia del passato), modernità ed evoluzione innovativa. La partita è complessa, ma è storicamente riconosciuto che spesso proprio dalle criticità nascono le opportunità più grandi: si tratta si saperle individuare e poi il coraggio di fare delle scelte in discontinuità e quindi azioni collettive coerenti. Il tempo in tal senso è arrivato da un pezzo.

         •        In secondo luogo se dovessi poi individuare un’altra strada da seguire, indicherei quello della ricerca e dell’innovazione, che può e deve poggiare su una spinta dirompente e veloce (più di quanto purtroppo non accade oggi) del digitale. Sulla questione “innovazione e trasformazione digitale” ( fibra, banda larga, digital skill…) , eravamo partiti bene, mi pare ci siamo smarriti ed abbiamo perso il passo ed anche molto tempo. E’ arrivato il momento di recuperare terreno. Un tema, quello della ricerca e dell’innovazione che indubbiamente riguarda prima di tutto il settore dell’industria, che può e deve essere il vettore principale, ma che in un sistema integrato e virtuoso non può bastare a sé stessa, ma deve avere capacità e volontà di coinvolgere gli altri settori. Perché ricordiamoci che dalle sorti dell’una dipendono sempre più le sorti degli altri settori e viceversa. La cooperazione fra i diversi attori del mondo delle imprese è sempre più fondamentale e sarà determinante nel tracciare le sorti del nostro futuro, quello comune, che è uno solo. Non possono più esistere gli interessi differenti di “settore”, bensì quello dell’intera comunità, quello del territorio nel suo insieme. Non tutto si può né si potrà fare. Ma arriva il momento delle scelte e dobbiamo uscire dalla fase di incertezza, in tutti i sensi. Nell’incertezza non c’è presente e non c’è futuro, per nessuno. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
28 settembre - 17:15
Gli imprenditori trentini guardano al futuro con fiducia ma non mancano le criticità. Un’azienda su 5 giudica il territorio in declino. [...]
Cronaca
28 settembre - 17:03
 Oggi si registrano 3 nuovi casi di bambini e ragazzi in età scolare. Tra i nuovi casi nelle fasce di età adulte, 4 hanno tra 60-69 anni, 1 [...]
Cronaca
28 settembre - 17:02
La poiana è stata impallinata nella zona di Tiarno di Sopra, ferita gravemente ad un’ala e al corpo, ha però continuato il volo per un breve [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato