Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, via libera al Fondo di solidarietà per la crisi economica. Ma il Trentino rischia di non ricevere risorse da Roma

Nonostante i tentativi di minimizzare la portata degli effetti causati dall'emergenza coronavirus con Fugatti a smentire Salvini ma anche con Trentino Marketing a invitare i turisti a raggiungere le nostre località, qualche problemino sembra, purtroppo, emergere in quanto si ricorre alla possibilità di utilizzare il Fondo, come ipotizzato e richiesto dalla Cgil

Di Luca Andreazza - 29 febbraio 2020 - 05:01

TRENTO. "Si è svolto un incontro tecnico e abbiamo analizzato la fattibilità del Fondo di solidarietà per la crisi in particolare nel settore turismo, servizi e commercio". Così l'assessore Achille Spinelli sulla possibilità di ricorrere a questo strumento provinciale per cercare di fronteggiare la situazione difficile nelle aree turistiche. 

 

Nonostante i tentativi di minimizzare la portata degli effetti causati dall'emergenza coronavirus con Fugatti a smentire Salvini ma anche con Trentino Marketing a invitare i turisti a raggiungere le nostre località (Qui articolo), qualche problemino sembra, purtroppo, emergere in quanto si ricorre alla possibilità di utilizzare il Fondo, come ipotizzato e richiesto dalla Cgil

 

"I settori quali industria e artigianato - continua Spinelli - hanno altri strumenti e questa misura riguarda in particolare i comparti di turismo, commercio e servizi. E' tecnicamente possibile attivare il Fondo di solidarietà: le risorse disponibili ammontano a 14 milioni di euro e l'80% della retribuzione può essere coperto per i lavoratori sospesi a causa della crisi".

 

Aderiscono al Fondo di solidarietà circa 8.700 aziende trentine per circa 54 mila lavoratrici e lavoratori. In questo modo si possono garantire le integrazioni salariali ai dipendenti di imprese aderenti quali le cooperative che orbitano nel mondo scolastico e asili, quelle realtà che gestiscono mense e servizi legati alle sospensioni imposte dai provvedimenti provinciali.

 

Il Fondo, istituito sulla base dell’accordo tra organizzazioni datoriali e sindacali trentine, permette l’accesso alla cassa integrazione a prescindere dalla consistenza dell’organico, che occupano almeno il 75% dei propri dipendenti in unità produttive ubicate nel territorio della Provincia di Trento, e che operano principalmente nei settori quali commercio, turismo e servizi. Un piano che vede anche ConfcommercioConfesercentiFederazione trentina della cooperazioneConfprofessioniAsat e Confindustria tra le parti interessate.

 

"Lunedì prevediamo un incontro tecnico per declinare tutte le modalità di attivazione e attuazione. Oggi l'Inps ha validato la procedura a tempo di record per rendere questo strumento operativo a favore delle imprese", spiega Spinelli.

 

Nel frattempo si osservano anche le decisioni di Roma a sostegno delle zone rosse e le criticità a livello economico. "Sicuramente nella prima fase il Trentino non verrà coinvolto nei provvedimento e capiamo le problematiche, come l'attenzione a quei territori. Poi speriamo che successivamente si possa intervenire in generale perché anche qui ci sono ripercussioni", conclude il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 marzo - 10:02

I soldi ai singoli comuni arriveranno già in questi giorni e sarà compito dei sindaci, assieme ai servizi sociali, individuare le famiglie a cui riservare il buono spesa

30 marzo - 13:26

I sindacati Filcams e Fisascat Cisl hanno già segnalato il problema, nei giorni scorsi, all’Azienda provinciale per i servizi sanitari e alle ditte che si occupano del servizio di sanificazione delle strutture ospedaliere e nelle residenze per anziani, senza ottenere fino a questo momento alcun riscontro

30 marzo - 12:15

L’app trentina (e gratuita) sviluppata da due coinquilini per aiutare le persone con i servizi a domicilio, ecco l’idea di Giulio Michelon e Alvise Zanardo: “Non siamo né medici né infermieri ma abbiamo messo comunque le nostre competenze informatiche al servizio della collettività”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato