Contenuto sponsorizzato

La montagna bellunese è pronta a ripartire. Padrin: ''Facciamo di tutto per non perdere la stagione estiva. Le Dolomiti sono sicure''

L'emergenza coronavirus come grande occasione per rilanciare le terre alte delle Dolomiti bellunesi. Padrin: "Sembra un controsenso ma non è così. Progetti mirati di valorizzazione e promozione tra tutti gli attori del sistema"

Pubblicato il - 17 aprile 2020 - 16:21

BELLUNO. "Siamo pronti a ripartire, dopo la chiusura anticipata della stagione invernale". Così Roberto Padrin, presidente della Provincia di Belluno, che aggiunge: "E' ancora forte l’amarezza per aver dovuto rinunciare alle finali di coppa del Mondo di Cortina in un periodo in cui le nostre Dolomiti stavano macinando risultati turistici come non si vedevano da anni. Proprio per questo, la Provincia e la Dmo lavoreranno insieme, in collaborazione ai consorzi turistici delle diverse vallate bellunesi per non perdere la prossima stagione estiva. Anzi, per portare avanti una campagna promozionale che faccia leva sulla montagna sicura".

 

L'emergenza coronavirus come grande occasione per rilanciare le terre alte delle Dolomiti bellunesi. "Sembra un controsenso - prosegue Padrin - ma non è così. La vacanza in montagna non si presta ad assembramenti e affollamenti. Anzi, viene considerata sicura e salubre anche dagli esperti, come spiegato nei giorni scorsi da Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità e teorico del distanziamento sociale. In montagna il rischio di contrarre il virus è piuttosto basso, mentre se si va in contesti affollati è diverso".

 

Insomma, la Provincia di Belluno è pronta. "Abbiamo davanti anche la grande occasione di rilancio, che è costituita dai Mondiali di sci 2021: l’appuntamento di Cortina sarà il primo vero appuntamento sportivo internazionale dopo Covid, se il Tour de France non dovesse essere recuperato nel mese di settembre. La promozione del contesto montano come ambiente salubre, in cui l’aria e l’acqua sono di qualità superiore e in cui è possibile mantenere il distanziamento tra le persone, non sarà però l’unico asso per il rilancio del turismo nella fase 2 del coronavirus".

 

Il sistema bellunese è pronto a giocarsi fino in fondo le carte per la stagione estiva. "Anche con progetti mirati di valorizzazione e di promozione. E' quanto emerso dal direttivo della Dmo Dolomiti - evidenzia Padrin - che è stato convocato con la decisione di allargarlo anche alla parte tecnica, alla Camera di Commercio, al presidente del Fondo Comuni di confine Roger De Menech, e all'assessore Danilo De Toni".

 

Sulla partita del rilancio turistico ci sarà anche un impegno ancora più deciso del Fondo Comuni di confine, e verrà dato il supporto necessario agli operatori del territorio affinché sappiano come muoversi nei confronti della clientela che chiede informazioni. Intanto, Provincia e Dmo sono alla finestra per capire le nuove date di grandi eventi sportivi che solitamente sono promozionali per il turismo, come il Giro d’Italia. A seconda del decorso dell’emergenza, i mesi autunnali potrebbero essere utili per recuperare almeno alcuni delle manifestazioni annullate.

 

"Dobbiamo fare leva sulla nostra grande bellezza - conclude Giuliano Vantaggi, direttore della Dmo Dolomiti -. Abbiamo le montagne più belle del mondo, paesaggi, arte, cultura e gastronomia strepitosi. In previsione di un turismo prevalentemente nazionale, possiamo puntare sull’offerta sportiva, sul benessere, su molte altre qualità che il nostro territorio possiede".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 18:59

Le incertezze sembrano riguardare un po' tutto l'apparato organizzativo. Bruno Bizzaro: "Il nocciolo di tutto è naturalmente la sicurezza di operatori, pazienti e clienti. Non tutte le farmacie dispongono di locali separati che possono essere adibiti per questo scopo e che possono essere sanificati regolarmente"

24 ottobre - 19:44

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 162 positivi a fronte dell'analisi di 2.513 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 6,45%. Sono 71 le persone che presentano sintomi. Ci sono 63 pazienti in ospedale e 4 in terapia intensiva

24 ottobre - 19:17

In serata atteso l’intervento di Conte per annunciare le nuove misure restrittive: la bozza del Dpcm (ALL’INTERNO) prevede la sospensione delle attività per piscine, centri benessere e centri ricreativi. Per contrastare la diffusione del contagio alle superiori la didattica digitale integrata passa al 75% sul totale delle lezioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato