Contenuto sponsorizzato

Lo sci da fondo in Bondone si prepara all'inverno: ''Richieste in linea rispetto all'anno scorso da record, ma molte incertezze e si punta sull'online''

Il Centro fondo alle Viote sul Bondone lavora e produce neve per aprire la stagione. Nicola Fruner, direttore della Scuola italiana: "E' ancora caldo in quota, ma le attività proseguono in modo continuo. Si punta sulle lezioni individuali e piccoli gruppi composti da familiari"

Di Luca Andreazza - 30 novembre 2020 - 12:55

TRENTO. "Si lavora per aprire la stagione", queste le parole di Nicola Fruner, direttore della Scuola italiana sci fondo Viote, che aggiunge: "C'è un grande impegno di Asis anche se in questo momento le temperature ancora piuttosto miti e l'inversione termica non consentono di produrre grandi quantità di neve".

 

Sono ancora molte le incertezze per quanto riguarda l'apertura degli impianti legate all'emergenza coronavirus. Il Dpcm scade il prossimo 3 dicembre e le Regioni del Nord sono in trattativa serrata con il governo per cercare di salvare le festività di Natale e Capodanno, un periodo fulcro della stagione.

 

Si naviga a vista anche per la parte nordica. In attesa della neve naturale, le attività sono in corso sul Bondone a tutti i livelli, compatibilmente con le temperature: i sistemi di innevamento tecnico di Trento Funivie sono entrati in funzione sulla Cordela e sul Palon, qualcosina si è riuscito a sparare anche alle Viote

 

"In questo momento le direttive sono poche e aspettiamo maggiori chiarimenti - dice il direttore della Scuola italiana - non sembra così sicuro che ci sia una distinzione netta tra sci alpino e fondo. Intanto però ci prepariamo e aspettiamo dalla Provincia i protocolli e le linee guida che contengono le regole per insegnare: le richieste sembrano in linea rispetto alla passata stagione".

 

Nonostante il blocco anticipato causa lockdown, la scorsa stagione è stata da record con un +50% in più tra ore di lezioni e incassi al noleggio, mentre ci si è attestati a 13 mila ingressi e oltre 60 mila euro di incassi per il Centro fondo. A fronte di numeri importanti che testimoniano una crescita costante dell'interesse verso le discipline nordiche, la località pianifica un inverno che si annuncia complicatissimo.

 

Praticamente saltati i corsi con le scuole, i maestri rimodulano comunque l'organizzazione per reggere il colpo. "Incentiviamo le prenotazioni online e cerchiamo di spingere sulle lezioni individuali o piccoli gruppi composti prevalentemente da familiari. Troppo difficile invece recuperare gli accordi con gli istituti - prosegue Fruner - ci sono troppe criticità da valutare e risolvere, anche se l'intenzione è quella comunque di prevedere delle azioni per salvare questa fetta di mercato".

 

Operatività pronta anche per la parte del noleggio. "L'ipotesi, compatibilmente con la richiesta, è quella di trattare l'attrezzatura come se fosse monouso e poi prevedere una sanificazione complessiva con il macchinario a ozono. Poi ovviamente la flessibilità è massima per garantire la sicurezza di tutti", conclude Fruner.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

18 gennaio - 16:18

L'ex senatore prende il posto di Monica Morandini che dopo due mandati ha lasciato l'incarico

18 gennaio - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato