Contenuto sponsorizzato

Sciopero del pubblico impiego, 30 mila lavoratori aspettano il rinnovo del contratto: ''Eroi a parole ma poco considerati dalla Pat nei fatti''

Una protesta entrata anche nelle Rsa, pur in servizio, gli operatori hanno voluto manifestare il proprio disagio e malcontento. I sindacati chiedono alla Provincia un cambio di passo, diverse le questioni ancora aperte sul tavolo della trattativa

Di L.A. - 09 dicembre 2020 - 21:56

TRENTO. Maggiore sicurezza sul lavoro, assunzioni e rinnovo del contratto. Questi gli argomenti principali portati avanti dai sindacati per lo sciopero del pubblico impiego andato in scena sotto il palazzo della Regione. Una protesta entrata anche nelle Rsa, pur in servizio, gli operatori hanno voluto manifestare il proprio disagio e malcontento.

 

Le parti sociali sono reduci da un'altra fumata nera sul rinnovo contrattuale del pubblico impiego, un accordo che riguarda anche tutti i lavoratori della prima linea, infermieri, oss, vigili del fuoco, polizia locale e sistema di protezione civile.

"Gli eroi quando serve - commenta Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp - ma che invece vengono trattati in modo sufficiente e senza gratitudine. Il governo  ha stanziato qualche risorsa che giudichiamo insufficiente, mentre il Trentino va in controtendenza e sono gli unici in Italia lasciati senza un euro per i contratti ".

 

I sindacati ricordano come piazza Dante abbia stralciato 20 milioni già accordati e stanziati e pagato con un ritardo di 20 mesi la vacanza contrattuale. Ma anche che il bonus per gli operatori della sanità è stato parziale e pasticciato.

 

Inoltre il personale nel periodo di lockdown si è trovato con mezzi propri a gestire il lavoro e mantenere la pubblica amministrazione trentina ai vertici nazionali per qualità e per continuare a erogare i servizi alla popolazione.

"Le lavoratrici e i lavoratori - aggiungono Cgil, Cisl e Uil - hanno dimostrato senso di responsabilità e pazienza infinita: sono state sottratte e dirottate altrove risorse già stanziate. Se anche il presidente ritiene che il percorso è quello segnato con il Protocollo di gennaio, si deve procedere senza indugio con gli stanziamenti e le scadenze previste. E' tempo di dare risposte concrete e valorizzare le professionalità impegnate a vario titolo in questo momento difficile". 

 

La richiesta alla Provincia da parte dei sindacati è quella di convocare un tavolo per un confronto sulle esigenze del comparto pubblico tra un piano di assunzioni, turn over age management, così come sulla riorganizzazione del comparto sanità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

21 gennaio - 17:08

Le Faq aggiornate all’ultimo Dpcm del 14 gennaio: “Dal 16 febbraio al 5 marzo gli spostamenti tornano invece ad essere consentiti da e per tutte le regioni ubicate in area gialla”

21 gennaio - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato