Contenuto sponsorizzato

Contratto sanità, la Cisl Fp scende in piazza: "Vogliamo fasce economiche per tutti"

Mercoledì 28 dicembre alle 14 la Cisl Fp scende in piazza davanti alla sede Apran per chiedere la revisione del contratto sanità - area non dirigenziale. Uil e Nursing Up hanno firmato l'accordo, Cgil con riserva, mentre la Cisl non ha sottoscritto. Dalledonne: "Ipotesi da riscrivere" 

Cisl Fp Trentino, spazio autogestito
Di Cisl Fp Trentino, spazio autogestito - 27 dicembre 2016 - 11:54

TRENTO. "Scendiamo in piazza - dice Pierachille Dalledonne, segretario Cisl Fp - mercoledì 28 dicembre alle 14 alla sede Apran presso Palazzo Verdi in via Don Grazioli 1 per dire basta a questo contratto della sanità - area non dirigenziale pasticciato. Urliamo a voce alta #nopasticcisulcontratto".

 

Il fronte sindacale accentua la spaccatura sul contratto della sanità. Il 16 novembre le confederazioni Cgil, Cisl e Uil hanno firmato il protocollo d'intesa, mentre il 6 dicembre si sarebbe dovuta concludere la trattativa sul rinnovo contrattuale del comparto sanità area non dirigenziale che comprende 6.034 lavoratrici e lavoratori.

 

L'accordo stralcio è stato approvato da Uil e Nursing Up, mentre la Cisl Fp non ha sottoscritto la proposta e la Cgil ha firmato con riserva. Il contratto prevede per la parte economica uno stanziamento di 14,1 milioni di euro per il triennio 2016-2018 e un aumento tabellare di circa il 3%: "Lo abbiamo detto e motivato più volte - dice Dalledonne - questo contratto è stato affrontato in Apran con troppa fretta e di conseguenza sono molte le parti che devono essere riscritte e riviste, vedi la questione delle fasce economiche".

 

La Cisl Fp ha sempre sottolineato la necessità di un ulteriore aumento dignitoso pro-capite per tutte le figure professionali comprese tra il livello A) e il livello C) per dare ai livelli di reddito più basso una boccata d'ossigeno economico anche in considerazione di quanto contenuto nell'accordo fra il Governo e le sigle sindacali: "Vogliamo un contratto per tutti, senza penalizzazioni su infermieri, tecnici, operatore socio sanitario, operai, ausiliari e amministrativi. Dopo anni di blocco contrattuale vogliamo un contratto che non penalizzi l'aumento del salario personale sanitario rispetto ad altri comparti e risposte eque per tutte le professioni del sistema sanitario trentino".

 

Questa la principale motivazione che ha spinto la Cisl a non sottoscrivere l'ipotesi e rilanciare decisa la propria iniziativa: "Non è più rinviabile - conclude Dalledonne - ogni tipo di azione o mobilitazione

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 16:59

A maggio si sarebbe dovuto celebrare l'atteso referendum. Il presidente Fugatti, però, all'interno di un'ordinanza firmata per adottare alcune misure per il contenimento dei contagi, ha inserito anche lo spostamento di questo appuntamento

27 gennaio - 16:26

Un giovane nel primo pomeriggio era in stato di evidente alterazione da alcol e in centro a Rovereto ha creato scompiglio spostandosi da una parte all'altra tra urla e schiamazzi. Sul posto polizia e carabinieri oltre al personale sanitario

27 gennaio - 15:44

Il 71enne era uscito da solo per un'escursione con sci d'alpinismo in val dei Mocheni. A lanciare l'allarme i familiari per il mancato rientro. La ricerche si sono, purtroppo, concluse dopo mezzogiorno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato