Contenuto sponsorizzato

Contratto sanità, trattativa sospesa. Nursing up: "Pronti alla mobilitazione totale"

Nursing up sospende la trattativa in Apran per il rinnovo del contratto della sanità. Hoffer: "I nostri professionisti meritano i riconoscimenti per la loro professionalità e per il disagio che caratterizza quotidianamente la loro attività"

Pubblicato il - 28 novembre 2016 - 15:05

TRENTO. "Oggi siamo stati convocati in Apran per l'avvio del rinnovo contrattuale 2016/18 e purtroppo abbiamo constatato la mancanza di trasparenza della controparte presente al tavolo", queste le prime parole di Cesare Hoffer, segretario di Nursing Up.

 

"Ci avevano promesso - continua - la trasmissione formale dei dati economici, cosa peraltro già preannunciata per il mese di settembre e che di fatto non è mai avvenuta. Oltretutto, alcune disposizioni della legge provinciale, valevoli per i dipendenti pubblici di tutti i comparti, hanno trovato applicazione tramite delibera di Giunta soltanto per il personale delle autonomie locali".

 

Nursing Up si riferisce alla previsione di finanziamento delle funzioni esperte per i professionisti che ricoprono particolari incarichi, una distinta disposizioni per un’area contrattuale specifica per i professionisti sanitari dell'Azienda Provinciale Servizi Sanitari non è stata prevista nelle direttive stesse, anche se tale prerogativa è normata dalla medesima legge.

 

Il protocollo d'intesa firmato dalle confederazioni sindacali il 17 novembre scorso con la Provincia, prevede per i prossimi anni l’inquadramento di parte del personale amministrativo dell’Apss nei ranghi dei dipendenti provinciali, con relativi benefici economici "nulla invece - dice Hoffer - è stato previsto a vantaggio dei professionisti sanitari del comparto. Per noi solo sudore e sangue, nessuna direttiva provinciale relativa alla valorizzazione professionale e uno stipendio che rischia un ulteriore appiattimento verso figure lavorative che non hanno la nostra formazione e responsabilità".

 

"Come Nursing up - prosegue - abbiamo posto con forza anche la questione delle fasce economiche, bloccate da molti anni e anche su questo argomento le risorse a disposizione non permettono una celere attribuzione, ma solo uno scaglionamento nei prossimi anni, senza aver certezza dei reali aventi diritto, abbiamo chiesto pertanto a garanzia di fondi dedicati e decorrenze certe. La proposte presentate dall’Apran si caratterizzano inoltre per un inasprimento delle norme contenute nel codice disciplinare e di comportamento. Per quanto riguarda la discussione sulle deroga delle 11 ore di riposo, chiediamo che la stessa venga affrontata in maniera concomitante con la definizione delle dotazioni organiche, sempre più carenti, definendo nel contempo degli standard di sicurezza assistenziali".

 

"Se qualcuno pensa di fare il contratto del comparto della sanità al ribasso - conclude Hoffer - si sbaglia di grosso, i nostri professionisti meritano i riconoscimenti per la loro professionalità e per il disagio che caratterizza quotidianamente la loro attività. Se non arriveranno risposte concrete e positive per noi, andremo alla mobilitazione di tutti i professionisti sanitari e chiameremo a raccolta infermieri, tecnici di radiologia e di laboratorio, assistenti sanitari, ostetriche, fisioterapisti, dietiste, nonché tutti gli altri professionisti sanitari del comparto".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 20:45

Il premier Giuseppe Conte spiega le principali misure contenute nel nuovo Dpcm per le festività di Natale e Capodanno: "La curva si è abbassata ma non possiamo distrarci e abbassare la guardia. Dobbiamo evitare la terza ondata"

03 dicembre - 20:17

Sono 449 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 45 pazienti sono in terapia intensiva e 53 in alta intensità. Sono stati comunicati 239 positivi sull'analisi di 3.575 tamponi molecolari e altri 237 contagi sono stati individuati tramite 1.954 test antigenici per un totale di 476 casi nelle ultime 24 ore

03 dicembre - 19:01

Mentre oggi la Pat ha finalmente comunicato i dati completi del contagio che mostrano come il Trentino abbia lo stesso numero (se non di più) di contagi dell'Alto Adige, come vi raccontava il Dolomiti da giorni, il presidente ha presentato i dati su Rt e ospedalizzazioni. Poi ha spiegato cosa non va delle decisioni prese a livello governativo e confermato che il weekend i negozi e centri commerciali saranno aperti in Trentino, salvo dpcm

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato