Contenuto sponsorizzato

Frana Monte Gorsa, i sindacati: "Situazione già segnalata da un anno, ma Comune e Servizio minerario si sono limitati a guardare"

La frana ha iniziato a muoversi domenica 5 marzo a causa delle piogge dei giorni precedenti, lunedì è arrivata la delibera di 'somma urgenza' che ha portato anche alla chiusura di parte della strada provincia 76. Due ditte ferme in attesa della normalizzazione della situazione

Di Luca Andreazza - 14 marzo 2017 - 16:58

LONA LASES. Domenica 5 marzo la frana sul monte Gorsa ha iniziato a muoversi a causa delle piogge nei giorni precedenti e lunedì è arrivata la delibera di somma urgenza del Comune di Lona Lases per la messa in sicurezza dell'area del fronte: un provvedimento che ha portato inoltre alla chiusura fino al 27 marzo del tratto della strada provinciale 76, limitando il transito tra i due comuni di Lona Lases e Albiano, compreso il traffico da e per il settore estrattivo. "Questa situazione andava risolta prima - dicono i sindacati Fillea e Filca all'incontro con i comuni di Albiano e Lona Lases, il servizio Minerario della Provincia, Sogeca e i rappresentati delle ditte Paganella e Odorizzi Giuseppe -. Comprendiamo le ragioni che hanno spinto alla chiusura della strada provinciale, ma adesso è urgente fare tutti i lavori necessari per consentire agli operai di tornare al lavoro". 

 

Una ventina di lavoratori si trovano, infatti, in cassa integrazione ordinaria per eventi franosi: questo significa una pesante decurtazione delle retribuzioni. "Sollecitiamo - spiegano Moreno Marighetti e Manuel Ferrari della Fillea Cgil e Fabrizio Bignotti della Filca Cisl - l'amministrazione comunale e il servizio Minerario a completare il prima possibile la rimozione della parte più critica dello sbancamento e, dunque, arrivare alla riapertura della strada: una prima soluzione tampone così almeno i lavoratori potranno riprendere le attività di lavorazione nei due piazzali".

 

Le parti sociali chiedono inoltre di attivare una forma di solidarietà tra le imprese del distretto per consentire alla Paganella e alla Odorizzi Giuseppe di lavorare nei loro piazzali una parte di materiale estratto dalle altre ditte: le attività di estrazione, infatti, non possono riprendere fino a quando non viene rimosso tutto il materiale franato, circa 12 mila metri cubi. "Le operazioni di svuotamento - continuano - richiedono tempo, ma soprattutto hanno un costo notevole di prezzo unitario di 12,80 euro al metro cubo per un contratto presunto di 153.600 euro".

 

I sindacati tengono sul tavolo anche la richiesta di ricollocare il personale nel settore. “Per noi è fondamentale che l'attività interrotta riparta in tempi brevi. Se questo non fosse possibile, valuteremo anche l'altra ipotesi – ammettono i rappresentanti dei lavoratori -. Questa situazione poteva essere evitata e sulla tenuta del monte Gorsa ci sono delle responsabilità. La necessità di mettere in sicurezza con lavori di 'somma urgenza' è stata segnalata da un anno, ma il comune di Lona Lases non è intervenuto, senza dimenticare che davanti a questi ritardi il Servizio minerario è rimasto a guardare".

 

Fillea e Filca ricordano inoltre che attendono ancore di essere convocati per una riunione sulla sicurezza delle cave e un nuovo incontro è previsto la prossima settimana. "In questa situazione - concludono Marighetti e Bignotti - va tutelato il lavoro e  la conservazione del territorio. Due obiettivi che si possono conseguire solo attraverso una progettazione seria". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato