Contenuto sponsorizzato

Referendum su voucher e appalti: si vota il 28 maggio. Ianeselli: "Ora si intensifica la campagna"

Il consiglio dei ministri ha indicato la data valida per votare i referendum. Il governo, per evitare l'urna, può legiferare verso i temi dei quesiti: la responsabilità solidale per gli appalti, voucher acquistabili solo all'Inps e riservati per famiglie, pensionati di lunga durata, studenti e pensionati

Di Luca Andreazza - 14 marzo 2017 - 19:45

TRENTO. Palazzo Chigi dixit: domenica 28 maggio il referendum su voucher e appalti promossi dalla Cgil. Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto per l'indizione dei referendum popolari relativi alla 'abrogazione di disposizioni limitative alla responsabilità solidale in materia di appalti' e alla 'abrogazione di disposizioni sul lavoro accessorio (voucher)'. "Una notizia positiva - commenta Franco Ianeselli, leader della Cgil del Trentino - ora intensifichiamo le iniziative messe in campo".

 

Scatta quindi anche in Trentino la fase due del piano di avvicinamento ai referendum: "Adesso è necessario proseguire la campagna - dice - per comunicare che la data dei referendum è stata fissata. Prevediamo un massiccio volantinaggio in occasione della fiera di S. Giuseppe, senza dimenticare altre azioni alle assemblee, davanti ai cinema e in altri punti di interesse. Ci prepariamo a questa sfida e scenderemo a Roma per la manifestazione prevista il prossimo 8 aprile".

 

La strada per evitare i referendum è ancora aperta? C'è margine di manovra? "Ovviamente ragioniamo - conclude Ianeselli - nell'ottica che si arriverà al referendum e non avremmo battute d'arresto. Se poi il governo interviene legiferando per andare incontro ai quesiti, quindi ripristinando la responsabilità solidale negli appalti e regolamentando che i buoni lavoro siano usati solo dalle famiglie, acquistati all’Inps e non in tabaccheria, per retribuire la prestazione occasionale e accessoria di disoccupati di lunga durata, pensionati e studenti, saremo ugualmente soddisfatti".

 

Il quarto rapporto della Uil che analizza i dati del 2016 forniti dall'Inps sottolinea i numeri impressionanti: oltre 134 milioni di voucher venduti, un'impennata del 24,1% rispetto al 2015 per una stima di oltre 1,6 milioni di persone coinvolte contro l'1,3 milioni unità dell'anno precedente. Il Trentino è diciannovesimo su centodieci come dato assoluto, ma se si rapporta questo dato agli abitanti, la nostra Provincia sale ulteriormente nella graduatoria, arrivando ai primi posti. L'uso di questo strumento in Trentino Alto Adige segue le dinamiche nazionali: nell'ultimo anno è cresciuto del +20,7% per 5.576.853 voucher, divisi fra i circa 2 milioni a Trento e i circa 3 milioni e mezzo di Bolzano, rispettivamente al diciannovesimo e sesto posto assoluto. 

 

Non è un mistero che l'iniziativa referendaria della Cgil miri all'abrogazione dei voucher in quanto ormai è considerato uno strumento che degrada il lavoro, l'ultimo gradino della precarietà e della non inclusione, che influenza anche la qualità occupazionale. Negli appalti il sindacato evidenzia che l’impresa appaltatrice non può disinteressarsi di quanto accade lungo la filiera produttiva e lasciare il lavoratore da solo, a pagare per tutti. Temi capaci di raccogliere oltre tre milioni di firme. Se i referendum trovano i sindacati sulla stessa lunghezza d'onda, il fronte si divide invece sulla modalità: Cgil da una parte, Uil e Cisl dall'altra, più interessate a trovare un accordo politico e tecnico. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 4 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 agosto - 13:10
La piena dell'Adige delle ultime ore e la violenza dell'acqua hanno restituito moltissimi rifiuti che ora si trovano sugli argini del fiume assieme [...]
Cronaca
05 agosto - 12:34
Le precipitazioni delle ultime ore hanno innalzato notevolmente la portata dell'Adige, la cui piena è stata prevista dai vigili del fuoco tra [...]
Cronaca
05 agosto - 11:54
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Telve, le forze dell'ordine e gli ispettori dell'Oupsal. Il giovane è stato trasferito [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato