Contenuto sponsorizzato

Sanifonds, Cia: "De Laurentis ha fatto inversione a U". Ianeselli: "Anche su questo andremo in tribunale"

Ancora nel mirino il presidente degli Artigiani. Claudio Cia chiede come mai non rispetta l'accordo della confluenza del Fondo artigiani in Sanifonds. Ianeselli: "Non è proprio capace di onorare un patto"

Di Donatello Baldo - 29 ottobre 2016 - 15:04

TRENTO. Dopo le accuse di Franco Ianeselli della Cgil che ha definito Roberto De Laurentis un “quaquaraquà” per aver fatto marcia indietro sul contratto dei metalmeccanici rimangiandosi la firma, ora è Claudio Cia a rimproverargli un deficit di coerenza. “Il presidente degli Artigiani si smentisce da sé e tira il freno a mano”.

 

Più che tirare il freno a mano, stando a quanto sostiene il consigliere provinciale, De Laurentis sembra aver ingranato la marcia indietro, oltre che sul contratto dei metalmeccanici, anche per quanto riguarda l'entrata del fondo Sia3 in Sanifonds. Aveva firmato un accordo attraverso il quale si impegnava a far confluire il fondo degli Artigiani (Sia3) in Sanifonds (di cui è perlaltro presidente) al raggiungimento della soglia dei 22.000 iscritti, ed entro il 30 aprile 2017. “Superata la fatidica cifra, come previsto da un protocollo datato 2013, a questo punto Sia3 dovrebbe entrare in Sanifonds”, afferma Cia. Tempi decisi dunque: “Macche – scrive Cia – De Laurentis ha fatto una inversione a U”.

 

«Non abbiamo nessuna intenzione di muoverci finché non lo faranno tutte le altre categorie – dice il presidente degli Artigiani in un virgolettato riportato scrupolosamente sull'interrogazione che il consigliere di Agire sottopone alla Giunta – abbiamo detto che siamo disposti a entrare in Sanifonds al raggiungimento di 22.000 dipendenti nel fondo, ma non ci riferiamo solo ai dipendenti pubblici, ma anche ad altre categorie»

 

Ma Cia è puntiglioso e smentisce De Laurentis: “Non è vero che in Sanifonds ci sono solo dipendenti pubblici, Silvelox, la Spa della Valsugana, è stata la prima ad aderire al fondo sanitario integrativo", confermando che rispetto ai 22.000 iscritti il pregiudizio del presidente degli Artigiani "è stato soddisfatto sia numericamente che qualitativamente”.

 

Per questo Cia interroga la Giunta. Per questo, anche per questo, Franco Ianeselli è arrabbiato. “Siamo costretti anche in questo caso (l'altro caso è la retromarcia sul contratto dei metalmeccanici) a percorrere le vie legali. A questo punto – spiega il segretario della Cgil – se De Laurentis non è capace di onorare gli impegni presi e sottoscritti sarà un giudice a dover intervenire”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato