Contenuto sponsorizzato

Sanità, il contratto non si sblocca, Cisl: "Necessario valorizzare tutte le professionalità"

Il sindacato evidenzia diverse criticità, tra le quali anche l'espulsione dei delegati Rsu. La Cisl sottolinea l'importanza di garantire a tutti i lavoratori il riconoscimento delle professionalità e dell’apporto che a diverso titolo aiutano un’Azienda di oltre 8 mila dipendenti al servizio dei cittadini

Cisl Fp, spazio autogestito
Di Cisl Fp, spazio autogestito - 09 ottobre 2017 - 19:20

TRENTO. "La proposta dell'amministrazione provinciale non è accettabile. Le criticità sono legate alla distribuzione delle risorse, ma anche agli aspetti normativi e giuridici", spiega la delegazione della Cisl Fp del Trentino.

 

La trattativa è stata inoltre l’occasione per le organizzazioni sindacali di affermare la necessità di un immediato avvio, nell’ambito delle ulteriori risorse messe a disposizione dall’Azienda sanitaria, di un percorso di valorizzazione economica del personale impegnato.

 

"E' necessario - dice la Cisl - mettere al passo tutto il personale e valorizzarlo in un contesto, quella della sanità, molto complesso. Nello specifico mancano risorse per tutte le numerose professioni e per tutti i dipendenti. Sollecitiamo inoltre l'avvio di quel processo di omogenizzazione delle professionalità, senza dimenticare le figure spesso dimenticate".

 

Il riferimento è all'Operatore socio sanitario. "Questo - aggiunge il sindacato - è solo un esempio di quelle professionalità da inserire nelle opportune aree sanitarie e non ghettizzare come invece proposto da altre parti sociali".

 

La Cisl sottolinea l'importanza di questo lavoro, trasversale, che può garantire a tutti i lavoratori il riconoscimento delle professionalità e dell’apporto che a diverso titolo aiutano un’Azienda oltre 8 mila dipendenti al servizio dei cittadini quotidianamente.

 

"Alla luce di tutte le criticità evidenziate - conclude la Cisl - invieremo nel corso della settimana le dovute osservazioni per sbloccare la trattativa, oltre alle richieste di integrare nuove risorse per portare a termine questi obiettivi. In questa ultima bozza di accordo della Provincia ci preme sottolineare l'espulsione dei delegati Rsu da ogni forma di contrattazione decentrata: questo è un aspetto grave in quanto la trattativa si conduce anche con il personale eletto dai lavoratori e le loro rappresentanze".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
18 maggio - 06:01
In Veneto e in Alto Adige sono già state avviate le operazioni sugli over 40, mentre in Trentino ci si concentra ancora sulla copertura degli [...]
Cronaca
17 maggio - 19:57
I territori che stanno meglio dal punto di vista del contagio e soprattutto dell'incidenza sono Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. A fare la [...]
Cronaca
17 maggio - 20:11
Trovati 15 positivi, comunicati 2 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 28 guarigioni. Sono 766 i casi attivi sul territorio [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato