Contenuto sponsorizzato

Il 2020 è stato ''l'anno della pasta''. Felicetti: ''E' boom dei consumi domestici. Venduti oltre 50 milioni di confezioni in più''

Il 2020 ha registrato grandi numeri nella vendita di pasta. La pandemia ha inciso notevolmente sul mercato del cibo preferito degli italiani, che ha registrato oltre 50 milioni di confezioni vendute in più. Per questo l'Unione italiana food lancia un ciclo di appuntamenti virtuali per conoscere meglio questo straordinario cibo

Di Silvia Pasolli - 10 marzo 2021 - 16:57

TRENTO. La pasta è il piatto per antonomasia della cucina italiana. E il 2020, da questo punto di vista, non fa che ribadirlo. Secondo un'elaborazione di Unione italiana food su dati Iri (azienda che si occupa di ricerche si mercato), infatti, nell'anno passato i consumi domestici di pasta sono aumentati del 5,5% di volume, del 10% di valore. Nelle dispense degli italiani sono così entrate oltre 50 milioni di confezioni in più, con un aumento di circa il 40% a marzo e del 10% tra ottobre e novembre.

 

A incidere, sicuramente, la pandemia. Ma gli italiani, secondo il numero di citazioni riguardanti la pasta sui social, da parte loro oltre che mangiarla ne parlano anche di più. Sperimentando nuove ricette tra le mura di casa, hanno citato quasi 270mila volte la pasta sui vari social come Instagram, Twitter e Facebook. Il tutto negli ultimi 6 mesi.

 

Ci sono mille modi per preparare una buona pasta e per impararli tutti con molte curiosità e tecniche in più, l’Unione italiana food lancia #PastaDiscovery, una serie di appuntamenti per chi ama questo piatto tradizionale, accompagnando queste “lezioni” con interviste e contributi video di gastronomi, pastai, food blogger e i consigli di Cristina Bowerman, chef stellata e presidente dell'associazione Ambasciatori del Gusto

 

Come cuocere in modo perfetto la pasta, come riconoscere una buona pasta e in che modo cucinarla sono gli argomenti su cui verteranno gli appuntamenti di #PastaDiscovery, nelle differenze delle tradizioni regionali e dei gusti personali – al Nord si mangia tendenzialmente più morbida, al Sud più “al dente”. Il primo appuntamento sarà dedicato alla cottura perfetta, che per 8 italiani su 10 è il principale indicatore della qualità percepita.

 

Secondo un sondaggio promosso da WeLovePasta su un campione di oltre 2000 persone, per ottenere la cottura perfetta 3 italiani su 10 si attengono scrupolosamente alle indicazioni dei minuti sulla confezione, mentre 7 su 10 si affidano alla propria esperienza. Il ciclo di appuntamenti, pertanto, si rivolge proprio a chi la pasta la ama da sempre, ma non solo. Anche a coloro che la stanno riscoprendo e ai principianti che muovono i primi passi in cucina.

 

"Quando parliamo di cibo e di pasta in particolare spesso il nostro è un giudizio soggettivo o di parte -  spiega Riccardo Felicetti, presidente dei pastai italiani - non abbiamo la presunzione di insegnare agli italiani come si cucina la pasta, visto che ne sanno già tanto, ma ci siamo resi conto che alcune informazioni non sono acquisite del tutto e che le giovani generazioni – in particolare - hanno voglia e piacere d'imparare”.

 

Attraverso i Pasta Discovery vogliamo festeggiare questo amore rinnovato tra italiani e pasta con un compendio di consigli e istruzioni per aiutarli a preparare al meglio la pasta più vicina al loro sentire, sperando che guarderanno al fusillo o allo spaghetto in modo diverso e che lo mangeranno e cucineranno con più piacere. Perché la pasta, oltre a essere buona e sana, è anche fonte di piacere, gioia e socialità”, conclude.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 November - 20:26
Trovati 188 positivi, 2 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 112 guarigioni. Sono 44 i pazienti in ospedale. Sono 833.300 le dosi di [...]
Politica
27 November - 19:46
Le attiviste hanno ricordato anche la recente aggressione avvenuta in centro, e arrivata dopo un evento che serviva per autofinanziare la [...]
Cronaca
27 November - 19:29
Il genoma è stato sequenziato al laboratorio di Microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato