Contenuto sponsorizzato

La nuova sfida di Gestor per sostenere la ripartenza dei soci: ''Un sistema di analisi unico in Italia per gestire costi e spese. Si rende il business più remunerativo''

Il settore Ho.Re.Ca. è stato tra i più colpiti dalla crisi innescata dall'emergenza Covid-19 tra lockdown e restrizioni. La società cooperativa Gestor lancia un nuovo e innovativo sistema per i tanti albergatori e ristoratori. Il direttore Pangrazzi: "Un'analisi precisa rappresenta un importante controvalore monetario risparmiato dall’azienda"

Di Luca Andreazza - 06 luglio 2021 - 20:45

TRENTO. Un sistema innovativo per controllare i costi di gestione aziendali. Questa la piattaforma sviluppata da Gestor, società cooperativa trentina, senza scopo di lucro, che da vent'anni opera nel settore alberghiero e della ristorazione, conta 400 soci, dislocati tra le province di Trento, Treviso, Belluno, Verona e Venezia e Aosta e nel 2019 ha fatturato circa 40 milioni di euro.

 

"E' essenziale, per ogni attività, capire come sfruttare il momento - commenta Gianni Pangrazzi, direttore di Gestor - per rivedere il modello di business in maniera remunerativa. Questo si può fare con degli strumenti di analisi adeguati. Oggi è ancora più essenziale che albergatori e ristoratori abbiano il pieno controllo delle proprie attività attraverso una gestione predittiva: Gestor è in grado dare una visuale e un'analisi d'insieme di tutti i generi alimentari e non utilizzati nel mondo Ho.Re.Ca.".

 

Il settore Ho.Re.Ca. è stato tra i più colpiti dalla crisi innescata dall'emergenza Covid-19 tra lockdown e restrizioni, speranze di ripartenza e periodi di blocco. In questa situazione molto incerta Gestor si è trasformato in una specie di cuscinetto tra i tanti albergatori e ristoratori e i vari fornitori per garantire pagamenti, liquidità e stabilità ai partner. Ora la società cooperativa rilancia con un sistema digitalizzato per analizzare costi e spese nel dettaglio.
 

"La società Gestor ha studiato, collaudato e omologato - dice il direttore - un sistema altamente tecnologico, attraverso un software sviluppato in-home, che monitora in tempo reale gli acquisti di magazzino e può elaborare report in tempi rapidissimi e con estrema precisione. Una triangolazione dei dati che permette di avere un quadro complessivo degli acquisti e del consumo delle giacenze per avere tutto sotto controllo: la visuale d'insieme si può filtrare per data, per fornitore, per gruppo merceologico e per articolo".

 

Un sistema che viene messo a disposizione dei soci per ottimizzare gli investimenti. "La gestione degli acquisti - dice Pangrazzi - è tra le principali componenti che caratterizzano un’impresa. I risultati e i benefici che si possono ottenere con un'analisi precisa rappresentano un importante controvalore monetario risparmiato dall’azienda. Una piattaforma, unica in Italia, predisposta per accompagnare sempre di più le aziende in questa fase delicata dell'emergenza coronavirus: i dati consentono di operare una corretta interpretazione nell'ottica di collocarsi in modo efficace all'interno di un mercato ancora più agguerrito".

 

Il Gruppo d’acquisto trentino si dimostra sempre più sensibile alle esigenze delle imprese e questo nuovo strumento consente di trovare le migliori soluzioni, soprattutto per gli articoli più costosi e con più basso indice di rotazione. L’introduzione del software può rendere sicuramente più semplice tracciare, attraverso le statistiche personalizzate, le attività del magazzino, verificare le risorse utilizzate e le giacenze fino a rendere quasi automatici gli ordini. 

 

"Questo consente di tenere controllati costi e ricavi - prosegue il direttore - un'accurata analisi dei costi e la possibilità di accedere allo storico delle condizioni commerciali concordate tra Gestor e fornitori convenzionati permette alle imprese di calcolare il reale costo delle materie prime acquistate e l’incidenza sul bilancio. Non ultimo, diventa più semplice monitorare il volume delle scorte: questo consente di comprendere più facilmente quando effettuare il riordino della merce".

 

Non solo, i dati consentono poi di condurre un’analisi più frazionata dei costi e dei ricavi. "Un manager può stilare bilanci preventivi precisi e veritieri, così come è più semplice identificare più velocemente eventuali problematiche inerenti a singole aree dell’impresa, analisi che non sarebbe possibile effettuare solo con i dati derivanti dal bilancio di esercizio, che fornisce informazioni molto più sintetiche. Così si possono correggere eventuali anomalie di consumo e ripartire in questo periodo difficile con ancora maggior slancio", conclude Pangrazzi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 ottobre - 06:01
Grazie ai risultati della campagna vaccinale, dice l'ex presidente dell'Agenzia spaziale italiana Roberto Battiston: "L'intensità della ripresa [...]
Cronaca
16 ottobre - 16:21
Per la prima volta i morti da Covid-19 in Russia hanno superato i 1000 in sole 24 ore mentre in Romania, dove gli ospedali sono stati travolti [...]
Cronaca
16 ottobre - 18:31
Secondo i dati Inps a livello nazionale nella giornata di ieri si è registrato un aumento del 23% sul rilascio dei certificati di malattia [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato