Contenuto sponsorizzato

Il suo gregge era rimasto bloccato su un precipizio, la storia di Villani alle Iene: "Lanciata una campagna di adozioni per coprire le spese di recupero degli animali"

L'appello di Villani alle Iene: "Non chiediamo soldi in beneficienza ma un contributo in denaro in cambio di un corrispettivo in prodotti della nostra realtà: formaggi biologici prodotti con amore, insieme a una cartolina con la foto della piccola Sion, il nostro agnellino nato in montagna durante le operazioni di recupero" delle oltre 100 pecore rimaste bloccate su un precipizio

Di S.D.P. - 29 novembre 2023 - 19:20

SONDRIO. L'allevatore 34enne Stefano Villani è stato recentemente intervistato da Le Iene. Durante il servizio ha raccontato la storia relativa al recupero delle sue pecore, finite in una zona impervia a 2.600 metri di quota: "Per loro spenderei anche tutti i guadagni della stagione – aveva raccontato qualche tempo fa anche a Il Dolomiti -. Sto mettendo in campo qualsiasi mezzo pur di riportarle a casa”. 

Oltre cento delle sue pecore erano rimaste bloccate su un salto di roccia a due passi da un burrone profondo centinaia di metri: una zona particolarmente impervia della Val Masino. Da allora, il 34enne le sta provando tutte per salvare i suoi animali. All'appello, ad oggi, ne mancherebbe infatti ancora qualcuno. 

 

“Si erano dirette in quota scappando da qualcosa o da qualcuno sull'Alpe Porcellizzo: forse, a spaventarle, dei cani o dei predatori. Così sono finite in una zona talmente impervia che ci è stato inizialmente impossibile raggiungerle”. Tutto è cominciato dalla telefonata di un 'vicino di alpeggio', "che mi ha allertato della presenza di pecore su dei salti di roccia - rivelava Villani -. Salito in quota mi sono reso conto che le la maggior parte dei miei animali era sparita ed ho quindi chiamato un elicottero per sorvolare la zona e cominciare a cercarli".

 

Giorni di ricerche proseguite anche di notte, con il supporto di un elicottero privato, che sono risultate più che mai costose, come viene sottolineato durante l'intervista alle Iene: "Ho speso oltre 10mila euro e alcuni conti devono ancora arrivare". Cifre che hanno fatto andare in rosso i conti del 34enne, che ha quindi pensato di lanciare una campagna di adozioni, battezzata "Vita da gregge". 

 

"Non chiediamo soldi in beneficienza - ha fatto sapere Villani - ma un contributo in denaro in cambio di un corrispettivo in prodotti della nostra realtà: formaggi buonissimi e biologici prodotti ogni giorno con amore, insieme a una cartolina con la foto della piccola Sion, il nostro agnellino mascotte nato proprio su quella montagna durante le operazioni di recupero (QUI IL RACCONTO)". 

 

Ogni singola adozione ha un valore di 50 o 100 euro, da versare tramite bonifico bancario: "L'Iban verrà mandato tramite whatsapp o mail, perché a ogni bonifico effettuato corrisponde un dato scontrino elettronico". Per maggiori informazioni è possibile contattare l'allevatore alla mail: giacomelli.lucia@alice.it o al numero 340 7077315 via Whatsapp.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
22 febbraio - 13:32
Fra le mura dell'azienda "Kilometro Verde" si coltivano ortaggi 365 giorni all'anno, risparmiando il 95% di acqua (ma anche ingenti porzioni di [...]
Cronaca
22 febbraio - 13:20
A partire dalla serata di oggi (giovedì 22 febbraio) un'ondata di instabilità interesserà per diversi giorni il territorio portando pioggia in [...]
Cronaca
22 febbraio - 15:20
Il conducente di un'auto si è trovato improvvisamente davanti un cervo e non ha potuto far nulla per evitare il violento incidente
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato