Contenuto sponsorizzato

In casa Pd c'è anche chi è pronto a correre da solo: ''Prima la coalizione, poi il nome. Se non si riesce Dem uniti con un proprio candidato''

Lo chiede il circolo di Levico al segretario Muzio. L'intenzione è quella di uscire dall'impasse dei nomi partendo prima da un programma condiviso. Un documento consegnato al segretario in vista dell'assemblea di lunedì

Di Luca Pianesi - 21 luglio 2018 - 06:01

TRENTO. "Grande è la confusione sotto il cielo" diceva Mao Tse-tung e davvero grande è la confusione sotto il cielo provinciale a livello politico. Per una destra che non riesce a convergere in maniera decisa sull'unico candidato possibile dopo l'esito delle elezioni del 4 marzo, Maurizio Fugatti, c'è una sinistra che a tre mesi esatti dalle elezioni ha almeno quattro o cinque tavoli aperti e deve ancora scegliere su quale partita concentrarsi. Il tutto mentre gli stessi 5 Stelle attendono di sapere quali saranno le regole che dovranno seguire per selezionare il candidato presidente.

 

La situazione più caotica, però, è quella del centrosinistra autonomista che, sostanzialmente, attende le mosse del Partito democratico. Da un lato, infatti, c'è il Patt che punta deciso su Rossi e ha già cominciato gli incontri sul territorio per presentare quanto di buono si è fatto in questi anni. Dall'altro ci sono i partiti di sinistra e ambientalisti, una grande parte della società civile e una sempre più consistente porzione di Partito democratico (compresi assessori e consiglieri provinciali, membri delle assemblee e circoli che si stanno esponendo anche pubblicamente) che ha scelto Paolo Ghezzi come suo rappresentante. Dall'altra c'è un altro blocco che appoggia Rossi e un altro ancora che, a mali estremi, è pronto anche a correre da solo, ''scegliendo come candidato una persona ovviamente d'indiscusso onore e competenza iscritto al Partito Democratico''.

 

Una soluzione estrema ma non completamente accantonata, per esempio, dal circolo Pd di Levico che ha scritto in questi giorni al segretario Muzio nella speranza di arrivare, finalmente, a una decisione. Questo il vero punto fermo: tutti chiedono che si decida, in un senso o nell'altro o nell'altro ancora, purché si prenda una strada. Anche perché a tre mesi dal voto il fuoco incrociato tra chi sostiene uno e chi è contrario all'altro, di fatto, rischia di esasperare gli animi e indebolire tutti. Il Pd di Levico chiede, quindi, al segretario prima di tutto una riflessione sulla coalizione che andrebbe ''consolidata e possibilmente ampliata, ovviamente - si legge nel documento inviato a Muzio in vista dell'assemblea Dem di lunedì - a forze sociali che si riconoscano con i principi del centrosinistra autonomista trentino, per vincere le prossime elezioni e garantire al Trentino un governo democratico e autonomista in linea con i successi raccolti negli ultimi decenni''.  

 

Si chiede, quindi, all'assemblea di aiutare il segretario a conseguire questo risultato il più presto possibile e che solo una volta definito il perimetro politico si indichi il nome che possa rappresentare tutti come candidato presidente. Infine, "se tutte queste azioni non portassero agli obiettivi da tutti auspicati - conclude il documento - allora chiediamo, per difendere l’onorabilità del nostro partito e la sua radice democratica, che l’assemblea consideri seriamente la possibilità che il Pd del Trentino si presenti alle prossime elezioni provinciali da solo, scegliendo come candidato una persona ovviamente d’indiscusso onore e competenza, e iscritto al Partito Democratico".

 

Una terza via, questa, che sceglie di partire da un programma e da un perimetro di coalizione per passare al nome di chi dovrà rappresentarla, in un secondo momento. Come dicevamo ''Grande è la confusione sotto il cielo'' diceva Mao che, però, concludeva la frase aggiungendo che ''la situazione è eccellente''. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato