Contenuto sponsorizzato

Europee, la Lega conquista la Valsugana: soffia il primato al Pd che dimezza i voti, ma rimane al secondo posto

La Lega si prende la scena a Borgo, Pergine e Levico. A Borgo finisce 40,42% a 20,02%, a Pergine 38,21% a 23,84%, a Levico 39,26% a 20,07%. Crollo del Movimento 5 stelle, che oscilla tra terzo e quarto posto

Di L.A. - 27 maggio 2019 - 08:41

BORGO. Le europee 2019 segnano una svolta politica in Valsugana. La Lega conquista tutta la valle, da Pergine, a Levico Terme e Borgo, capovolgendo letteralmente i risultati del voto del 2014 e soffiando il primato al Partito democratico che in alcuni casi (Borgo su tutti) dimezza le preferenze ottenute.

 

La Lega si prende la scena a Borgo e doppia il Partito democratico. Finisce 40,42% a 20,02%. L'Svp è la terza forza politica al 9,33%. Questo il risultato alle europee. 

 

Il Movimento 5 stelle chiude in quarta posizione all'8,01%, seguito da Fratelli d'Italia (5,89%) e Forza Italia (4,95%). 

 

L'exploit rispetto al 2014 è del carroccio che sale da 279 a 1.585 preferenze. I dem dimezzano invece i voti: da 1.128 di cinque anni fa a 785 di domenica 26 maggio.

 

In leggera crescita l'Svp: 366 nel 2019 contro i 320 voti del 2014, mentre Fratelli d'Italia passa da 62 a 231. In flessione i pentastellati, scendono da 440 a 314 preferenze.

 

Un risultato analogo per quanto riguarda i posti più alti della classifica relativa al voto si registra a Pergine Valsugana, dove la Lega vince con il 38,21% delle preferenze (3.740 voti) contro il 23,84% (2.333 voti) del Partito democratico.

 

In questo caso il M5S si prende il terzo posto con l'8,81% e l'Svp arriva quarta con il 6,50% delle preferenze.

 

Un risultato che capovolge quello di cinque anni fa: nel 2014, infatti, a Pergine trionfò il Pd (40,60%), seguito dal M5S al secondo posto (16,05%), con gli autonomisti dell'Svp al terzo (12,77%) e la Lega al quarto posto con 9,71% punti percentuali, 28,5 in meno della tornata elettorale 2019. Il Pd perde invece 16,76 punti percentuali rispetto al 2014.

 

Quest'anno, poi, sempre a Pergine, Forza Italia chiude al settimo posto con il 4,27%, perdendo il quinto posto del 2014 (9,21%) in favore di Europa verde che conquista il 5,32% delle preferenze.

 

+Europa chiude subito sotto Forza Italia con il 3,33%, Fratelli d'Italia sopra Forza Italia con il 4,97%. La Sinistra finisce al nono posto (1,94%). Il Partito pirata con i suoi 30 voti (0,31%) si piazza al terz'ultimo posto superando Forza nuova (0,08%) e Ppa (0,06%).

 

Anche a Levico Terme, poi, il primo partito è risultato essere la Lega, con il 39,26% delle preferenze e 1.671 voti. Secondo il Pd con il 20,07% e 854 voti, terzo il Movimento 5 stelle con 401 voti e il 9,42%.

 

Seguono Forza Italia (6,79%), Svp (6,58%), Fratelli d'Italia (5,99%), Europa verde (5%) e +Europa (3,38%), mentre la Sinistra rimane sotto il 2% (1,29%).

 

Un voto che anche in questo caso ribalta il risultato del 2014, anno in cui a Levico alle europee vinse il Pd con il 35,94% delle preferenze e 1.032 voti, seguito dal M5S (16,63%), Svp (16,07%), Forza Italia (11,54%) e, solo al quinto posto, dalla Lega (con l'8,54% dei voti).

 

Il Carroccio guadagna quindi 30,72 punti percentuali, mentre il Pd ne perde 15,87 e il Movimento 5 stelle 7,21. Forza Italia perde 4,75 punti percentuali, la Svp 9,49.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 12:54

I carabinieri di Canal San Bovo stavano indagando da tempo dietro a quello che sembrava un incidente, avvenuto il 3 luglio. Ora è arrivata la denuncia per il reato di lesioni personali, danneggiamento e fuga

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato