Contenuto sponsorizzato

Europee Belluno, un elettore su due vota Lega. Cresce Fratelli d'Italia

Si sono concluse le operazioni anche in provincia di Belluno, scrutinate le 242 sezioni. Non c'è partita, la Lega domina in lungo e in largo con il 47,23% e quadruplica i voti rispetto al 2014: il carroccio sale da 12.404 a 48.119

Di L.A. - 27 maggio 2019 - 07:11

BELLUNO. Si sono concluse le operazioni anche in provincia di Belluno, scrutinate le 242 sezioni. Non c'è partita, la Lega domina in lungo e in largo con il 47,23% e quadruplica i voti rispetto al 2014: il carroccio sale da 12.404 a 48.119.

 

La seconda forza politica è il Partito democratico al 17,95%, che però crolla da 39.143 a 18.287 preferenze. In forte calo anche il Movimento 5 stelle: 7,79%, frutto di 7.936 voti (cinque anni fa erano 16.108).

 

In quarta posizione Fratelli d'Italia che passa da 2.622 a 7.538 e raggiunge il 7,40%.

 

Dimezza le preferenze anche Forza Italia che scende da 11.955 a 5.124 per il 5,03%.

 

L'Svp chiude al 4,03%, davanti a +Europa (3,20%) e Europa Verde al 2,63%. Via via tutte le altre: il partito Pirata chiude davanti a CasaPound

 

In linea generale la Lega si prende la scena a livello regionale, mentre il partito di Giorgia Meloni chiude in quarta posizione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

18 settembre - 18:45

In questi anni gli avvistamenti di questa specie si sono fatti sempre più rari e dal 2006 il Carpione del Garda è entrato a far parte della lista delle specie fortemente a rischio estinzione. Fra le cause di questa dipartita ci sono sia fattori umani che ambientali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato