Contenuto sponsorizzato

Suppletive, Giulia Merlo e Cristina Donei in corsa per il centrosinistra. Ecco il simbolo scelto

Il nome delle candidate contornato dai simboli di Pd, Upt, Futura, Leu, Socialisti e Verdi: questo il simbolo scelto per le elezioni di maggio. Via alla campagna elettorale

Pubblicato il - 19 aprile 2019 - 20:26

TRENTO. Sfondo porpora e bianco, con i nomi delle due candidate e, attorno, i simboli di Futura, Verdi, Partito democratico, Unione per il Trentino, Liberi e uguali, Partito socialista italiano. È il simbolo scelto per le elezioni suppletive dalla coalizione del centrosinistra

 

Le due candidate per le suppletive della coalizione di centrosinistra nei collegi di Trento e valli del Noce e della Valsugana sono rispettivamente Giulia Merlo e Cristina Donei.

 

Un nome giovane (ma di una candidata preparata) e uno di esperienza, insomma, sono quelli scelti dai componenti della coalizione, Pd, Upt, Futura, Leu, Socialisti e Verdi.

 

Con la presentazione dei due simboli (entrambi uguali, con il nome della candidata in primo piano contornato dai simboli della coalizione), inizia ufficialmente la campagna elettorale. Via alla corsa verso il 26 maggio, dunque.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 06:01

L'assessora conferma: ''Abbiamo chiesto all'azienda una valutazione sulla nuova organizzazione. E' necessario capire i risultati della sperimentazione per eventualmente rimodulare e rivalutare i modelli''. E in Apss si pensa a dove recuperare risorse. Primo tema da discutere i punti nascita periferici a fronte di cronicità e vecchia veri temi del prossimo futuro

25 maggio - 08:37

E' successo a Egna. Ad essere trasferiti al carcere di Bolzano sono stati due 40enni di Mori e Mezzocorona. Il giorno prima avevano rubato un'auto a Rovereto 

24 maggio - 18:59

Viene da chiedersi cosa avrebbero fatto i membri della giunta se le signore fotografate da Ivan Cristoforetti e messe su Twitter con frasi del tipo ''gran figueria'' o ''festa della prugna'' fossero state loro parenti. O se oggetto degli insulti (per i quali è stato bannato da molti) lanciati dallo stesso braccio destro di Spinelli fossero state persone a loro vicine. Forse avrebbero capito che questo è proprio quel tipo di comportamenti che nelle scuole ai nostri figli cerchiamo di spiegare che è sbagliato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato