Contenuto sponsorizzato

Valli del silenzio, senz'auto e senza barriere. Il ddl incassa il "No'' della Commissione, ma Coppola rilancia: "Vado avanti, intanto si regolamenti l'uso dei droni''

Stop alle barriere architettoniche, ai mezzi meccanici e al rumore antropico. Questi i capisaldi del disegno di legge presentato da Lucia Coppola per tutelare, promuovere e rendere (più) accessibili le nostre montagne. "Durante il dibattito, sono emerse tante esperienze interessanti ma poco conosciute. Esperienze che possono fungere da esempio ed essere generalizzate", dice la consigliera di Futura

Di Arianna Viesi - 13 settembre 2019 - 21:14

TRENTO. La Terza Commissione dice "No" al ddl presentato da Lucia Coppola (Futura) sulle valli del silenzio, senz'auto e senza barriere. La Commissione, presieduta da Ivano Job (Lega), ha espresso parere negativo. Il ddl ha seguito l'iter consueto, comprese le audizioni e martedì 10 settembre è giunto a conclusione.

 

Nonostante la bocciatura, Coppola si dice soddisfatta. Il ddl, infatti, non è stato respinto nettamente. Sono infatti stati espressi apprezzamenti per la proposta. Coppola, dal canto suo, si dice confortata dal fatto che sia stata, in ogni caso, riconosciuta la bontà del disegno di legge nel suo insieme. "Anche se è stato espresso parere contrario dalla Giunta - dice Lucia Coppola - lo porterò al consiglio provinciale perché la discussione è stata interessante e mi ha fatto comprendere che questo ddl era perfettamente congruo e pertinente".

 

Durante la discussione del ddl, infatti, si è aperto un dibattito costruttivo e propositivo. La proposta della consigliera di Futura, infatti, va a toccare aspetti cruciali dello sviluppo turistico meritevoli d'attenzione e approfondimento. "L'obiettivo - spiega Coppola - è quello di creare dei luoghi di nicchia - non da estendere a tutto il territorio provinciale, ovviamente -  magari all'interno dei parchi, dei luoghi di nicchia e delle zone deputate al silenzio. Zone in cui sia assente il rumore antropico. Zone prive di barriere architettoniche per rendere partecipi delle bellezza del territorio anche le persone portatrici di handicap, gli anziani e i bambini, creando percorsi accessibili - ad esempio sentieri percorribili agevolmente con carrozzine e passeggini. O ancora, percorsi che presentino al loro interno facilitazioni, come cartellonistica per ipovedenti (scritte con caratteri più grandi o scritte in braille) e sollecitazioni sensoriali o altri tipi di facilitazioni.

 

"Vi è poi tutta una parte della proposta di legge dedicata alla possibilità di vietare l'accesso in determinati luoghi a mezzi meccanici. A tal proposito, è stato puntato il dito contro cose che non funzionano e  non hanno funzionato - mi riferisco, in particolar modo, al raduno di jeep in Primiero, ai giri in elicottero a scopo turistico sulle Pale di San Martino che non rispettano la distanza dalle guglie e dalle pareti, all'utilizzo non regolamentato dei droni, e via dicendo".

 

Il ddl, però, non è stato sostenuto dalla Giunta. "Non l'ho ritirato - dice Coppola - perché ci tengo che ci sia una discussione importante a livello provinciale. Durante il dibattito, sono emerse tante esperienze interessanti ma poco conosciute. Esperienze che possono fungere da esempio ed essere generalizzate".

 

La discussione in consiglio provinciale farà emergere, auspicabilmente, l'esistente, quanto ancora può e deve essere fatto, modelli positivi che possono essere adottati in diversi territori. "Quello dell'assessore Tonina non è stato un diniego assoluto: ha esplicitato il fatto che molte cose già si fanno e altre saranno attuate a livello amministrativo con l'aiuto dei comuni, dei parchi e delle associazioni. Insomma - conclude Coppola - ci sono luoghi deputati per qualsiasi cosa. Ogni luogo ha una sua definizione. Ed è giusto che la montagna abbia la sua".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.03 del 10 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 17:45

Le fermentazioni regolari, hanno dato origine a vini puliti, con intensi profumi fruttati, strutturati, con ottime acidità fisse e bassi tenori di acidità volatile. Si evidenziano punte di eccellenza nei vini rossi medio-tardivi (Teroldego). La cimice asiatica ha colonizzato tutti gli areali della provincia ma sulle viti non si segnalano particolari danni (usate per l'ovodeposizione)

10 dicembre - 20:01

Sui segretari comunali è scontro Lega-Pd: se da un lato Fugatti parla di una norma “che permetterà alle amministrazioni locali di lavorare”, i Dem accusano: “Ancora una volta si dimostra il più totale disprezzo verso le Istituzioni trentine”

10 dicembre - 16:44

Ponti, viadotti e cavalcavia in Trentino sono costantemente monitorati. La PAT si è dotata già dal 2002 di un sistema informatizzato denominato BMS "Bridge Management System"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato