Contenuto sponsorizzato

Arriva Salvini a Trento e la Lega fa spostare il Consiglio comunale. Maschio: ''Il capitano ordina e il centrodestra obbedisce. Tutto il resto può attendere''

L'arrivo del leader leghista è atteso per mercoledì 26 febbraio e nelle stesse ore si sarebbe dovuto tenere anche il Consiglio comunale. Il centrodestra ha fatto sapere che non potrà essere presente a palazzo Thun. Alla fine ha ceduto anche la maggioranza e tutto viene rimandato. Aspro il commento di Maschio (Onda Civica): "Tutto calendarizzato da un anno, ma la Lega ha le sue priorità"

Di Giuseppe Fin - 19 febbraio 2020 - 12:48

TRENTO. Mercoledì 26 febbraio arriverà a Trento il segretario della Lega, Matteo Salvini, accompagnato per l'occasione da Alessandra Locatelli, ex ministro per la famiglia e la disabilità, per un appuntamento elettorale in vista delle elezioni comunali che si terranno a maggio. L'incontro è in agenda nel tardo pomeriggio, un vertice fissato nei locali di Trento Fiere in via Briamasco. E tutto si ferma, compreso il Consiglio comunale.

 

Alle 18 una conferenza stampa, un'ora più tardi una tavola rotonda per affrontare "Lavoro e sociale: modelli di sviluppo", quindi alle 20 la cena con Matteo Salvini a base di menù tradizionale. Il centrodestra naturalmente non vuole, forse non può, mancare. Reduci dall'appuntamento a Roma, quando il Capitano ha convocato i suoi 200 rappresentanti regionali per far condividere loro esperienze positive e scelte politiche (Qui articolo), questa volta si bloccano i lavori a palazzo Thun. Tutto messo in stand by per il leader del carroccio.

Il calendario è fissato da ormai tanto tempo, piuttosto fitto per diverse scadenze e temi da affrontare, ma la richiesta è arrivata durante la riunione dei Capigruppo che si è tenuta lunedì sera. il centrodestra, e in primis ovviamente la Lega, ha fatto sapere che per la serata di mercoledì non sarebbe stato presente e quindi diventava necessario spostare il consiglio

 

Una richiesta alla fine è stata accettata ma non mancano le critiche, le più aspre sono quelle di Andrea Maschio (Onda Civica). "L'unico veramente contrario - commenta il consigliere comunale - è stato il nostro gruppo. Lunedì in commissione la stessa maggioranza ha risposto 'Obbedisco' alla necessità di spostare il consiglio comunale calendarizzato da un anno, ma mercoledì prossimo la Lega è chiamata a rapporto dal proprio capitano: Salvini ordina e il centrodestra obbedisce. Evidentemente le priorità sono diverse".

 

Se arriva Salvini, tutto il resto può attendere, ormai una prassi che sembra consolidata. Anche il Partito democratico ha manifestato diverse perplessità per poi adeguarsi alla decisione del resto dei partiti. Un Consiglio comunale monco non avrebbe avuto del resto senso. "Meglio non dar fastidio a Salvini", ha concluso ironico il capogruppo di Onda civica.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 20 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 gennaio - 14:57
Sono stati analizzati 13.391 tamponi tra molecolari e antigenici. Registrati 2.375 positivi e 0 decessi. Ci sono 167 persone in ospedale di [...]
Cronaca
21 gennaio - 15:29
Il presidente della Pat ha detto la sua anche sulla suddivisione dell’Italia in zone con le relative restrizioni. “Le zone colorate il loro [...]
Politica
21 gennaio - 15:06
Il Governo ha deciso quali sono i negozi e gli esercizi commerciali ai quali si potrà accedere senza il pass. Non è arrivata la deroga a quelle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato