Contenuto sponsorizzato

Italia Viva, Cristina Palumbo e Roberto Sani saranno i nuovi coordinatori provinciali

Designati anche i coordinatori per la città di Trento: Paola Martinelli e Nicola Azzariti 

Pubblicato il - 03 febbraio 2020 - 17:18

TRENTO. A margine dell’assemblea nazionale di Italia Viva, il nuovo partito politico fondato da Matteo Renzi dopo la sua scissione con il Pd, tenutasi a Roma sabato 1° febbraio scorso, ecco che sono stati designati i coordinatori per la provincia e la città di Trento. Il cantiere aperto del partito sta gradualmente delineando una sua struttura.

 

I nuovi coordinatori provinciali saranno Cristina Palumbo e Roberto Sani. Lei, 42 anni, dopo essersi diplomata in Scenografia e aver lavorato nel settore del turismo, ad oggi è grafica pubblicitaria e artista. Sani, classe 1962, laureato in architettura e amministratore e Senior Cosultant aziendale, è Presidente di Kilometro Azzurro – distretto aeronautico trentino. Già segretario organizzativo di UPT-Unione per il Trentino (2014-2016), ne è poi diventato vicesegretario organizzativo.

 

Nominati anche i coordinatori per la città di Trento: Paola Martinelli e Nicola Azzariti. Martinelli è laureata in fisioterapia, e dal 2010 collabora con l’associazione ATMAR per l’attività motoria. E’ stata per dieci anni nel consiglio direttivo dell’associazione ACCRI. Per sette anni consigliera di circoscrizione, si è occupata in particolare di cultura.

 

Nicola Azzariti è invece un giovane studente di Giurisprudenza presso l'Università di Trento, fondatore e presidente dell’associazione universitaria ALI-Associazione Libere Idee, è rappresentante degli studenti in Consiglio di Dipartimento dell'università.

 

Un partito che sta prendendo forma in tutta la regione, anche in Alto Adige, dove lo spirito sembra essere alto, come traspare dalle parole scritte da Stefania Gander, ora neo coordinatrice provinciale per l'Alto Adige-Südtirol, sulla sua pagina facebook: "Un grande onore ed una grande responsabilità l’essere stati nominati coordinatori provinciali per l’Alto Adige Südtirol. Grazie soprattutto ai nostri coordinatori Ettore Rosato e Teresa Bellanova, alla nostra deputata Maria Elena Boschi, alla ormai nostra senatrice per adozione Donatella Conzatti e alle tante amiche e tanti amici di Sempre Avanti, coi quali ho iniziato questa avventura tempo fa e che ho ritrovato in Italia Viva. E grazie naturalmente a Matteo Renzi".

 

"Ci aspetta una sfida enorme, sia per costruire un progetto bellissimo, sia per prepararci alla data del 3 maggio. In bocca al lupo a tutti i neo coordinatori provinciali. Adesso archiviamo la pratica e diamoci dentro: sarà un’avventura straordinaria".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato