Contenuto sponsorizzato

Aggressione omofoba a Rovereto, le associazioni "Grave episodio di odio'', Futura: ''Inaccettabile, serve subito una legge''

Futura spiega: "Presenteremo una mozione che chiederà al Consiglio Comunale di avviare l'iter per inserire Rovereto nella rete Re.a.dy". Nota congiunta anche di Arcigay del Trentino, Agedo Trentino e Famiglie Arcobaleno del Trentino - Alto Adige

Pubblicato il - 27 marzo 2021 - 19:03

ROVERETO. “E’ necessario mettere in campo tutte le attenzioni e le azioni possibili perché nessun cittadino e nessuna cittadina subisca episodi di odio e violenza in questa città per i propri orientamenti sessuali”. A prendere posizione e a condannare l'episodio di omofobia avvenuto a Rovereto è stato il gruppo di Futura.

 

La vicenda è stata raccontata da un ragazzo di 26 anni, vittima assieme al compagno di un'aggressione verbale e di minacce. (QUI L'ARTICOLO)

 

“Condanniamo – spiega in una nota Futura Rovereto - l'episodio omofobico avvenuto nella nostra città ai danni di un ragazzo, aggredito verbalmente e molestato per il semplice fatto che ama il suo compagno. Un ragazzo che, assieme al suo compagno, ha scelto Rovereto come luogo dove vivere e lavorare. È inaccettabile leggere che nel nostro Paese, quasi tutti i giorni, avvengono attacchi e violenze fisiche e verbali nei confronti delle persone della comunità Lgbtq+”

 

E’ inammissibile, viene spiegato in una nota, che in Italia non esista ancora una norma legislativa che contrasti l'omofobia e il sessismo. “La legge Zan che ha l'obiettivo di proteggere persone omosessuali, donne e disabili dai cosiddetti reati d'odio e di punire l'istigazione a commettere atti violenti o discriminatori nei loro confronti, è stata approvata dalla Camera ma è ferma al Senato per l’opposizione della Lega e di Fratelli d’Italia. Nel frattempo l'odio e l'intolleranza hanno colpito tante, troppe persone. Noi di Futura Rovereto esprimiamo vicinanza e solidarietà al ragazzo aggredito”.

 

Viene ricordato che il sindaco Francesco Valduga, a nome della sua amministrazione, a fine consiliatura scorsa ha sottoscritto un patto di impegno per garantire concretamente pari opportunità per tutte le persone, considerando e ascoltando anche la voce dei propri cittadini e cittadine appartenenti a minoranze sessuali e delle loro famiglie.

 

“A breve – conclude Futura - presenteremo una mozione che chiederà al Consiglio Comunale di avviare l'iter per inserire Rovereto nella rete Re.a.dy ( Rete italiana delle Regioni, Province Autonome ed Enti Locali impegnati per prevenire, contrastare e superare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, riconosciuti dalla Costituzione, dal diritto 1 comunitario e internazionale) e di invitare il Parlamento italiano a votare al più presto il provvedimento legislativo”.

 

"A Rovereto episodio di intolleranza è grave. Serve condanna unanime” affermano anche Cgil, Cisl e Uil  con i segretari Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti. “L’episodio che ha visto coinvolto una coppia gay a Rovereto è grave e inaccettabile. Minacciare qualcuno per la propria identità sessuale è un atto di inciviltà che va condannato in modo unanime da tutta la società. Non è più pensabile che nel 2021 qualcuno debba essere limitato nell’esprimere la propria libertà negli affetti e nella sessualità. Proprio perché sappiamo che Rovereto ed il Trentino sono comunità contrarie ad ogni forma di intolleranza chiediamo che da tutte le istituzioni locali si alzi una voce univoca di condanna”.

 

Sulla vicenda è arrivata anche una nota congiunta di Arcigay del Trentino, Agedo Trentino e Famiglie Arcobaleno del Trentino - Alto Adige.

 

“Sono fatti che addolorano, ma che non stupiscono chi opera quotidianamente a supporto della comunità Lgbtq+” viene spiegato. “Perché l'Italia (e il Trentino non fa eccezione) ancora rappresenta questo: un Paese in cui moltissime coppie evitano per sicurezza di tenersi per mano e singoli/e di fare coming-out; ma in cui omofobia e odio si esprimono, loro sì, alla piena luce del giorno”.

 

QUI IL TESTO COMPLETO

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 settembre
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
16 settembre - 12:36
La norma che prevede la partecipazione della Pat in Itas Mutua è stata impugnata dal governo. Già la Procura della Corte dei conti aveva [...]
Cronaca
16 settembre - 13:04
La scorsa settimana Rita Amenze è stata uccisa all'uscita dal lavoro, ieri un uomo ha sparato al volto di  Alessandra Zorzin. Il sindaco [...]
Cronaca
16 settembre - 12:20
L’obbligo di Green pass per andare al lavoro scatterà dal 15 ottobre. L’Italia è il primo Paese ad adottare una decisione di questa portata. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato