Contenuto sponsorizzato

Da Billio dell'Università di Venezia a Zaninotti dell'Ateneo di Trento, costituita la commissione per individuare il dg dell'Apss: ''La nomina arriverà il prossimo mese''

La commissione è chiamata a selezione i cinque profili più adatti, poi la nomina viene effettuata dal presidente della Provincia. L'assessora Stefania Segnana: "Decisione indicativamente a fine febbraio"

Di Luca Andreazza - 28 January 2022 - 21:53

TRENTO. "La nomina del direttore generale arriverà indicativamente a fine febbraio". A comunicarlo l'assessora Stefania Segnana nel confermare che è stata costituita la commissione per la selezione dei candidati che hanno riposto all'avviso pubblico per l'incarico di guidare l'Azienda provinciale per i servizi sanitari. "Da adesso ci vuole circa un mese per definire questa situazione". 

 

La delibera è stata approvata oggi, venerdì 28 gennaio, dalla Giunta provinciale e prevede che la commissione sia composta da Monica Billio, professore ordinario del Dipartimento di economia dell’Università di Venezia, con funzioni di presidente; Enrico Zaninotto, professore ordinario del Dipartimento di economia e management dell’Università di Trento, designato dall’Ateneo della città capoluogo. 

 

Poi Antonio Fortino, direttore dell’Unità operativa complessa Monitoraggio Lea, Servizi sanitari regionali e Aziende sanitarie all’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, designato da Agenas; e Franca Bellotti, direttore dell'Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane della Provincia di Trento, con funzioni di segretario.

 

"A febbraio - dice Segnano - partono i colloqui dei candidati che hanno risposto all'avviso di selezione e da qui si arriva a una rosa di cinque nomi, quelli considerati più adatti a ricoprire il ruolo di dg". La nomina definitiva è poi in capo al presidente della Provincia, Maurizio Fugatti. "A fine febbraio la situazione sarà definita".

 

Sono 22 i professionisti che hanno presentato domanda per guidare l'Apss. Attualmente l'incarico è ricoperto da Antonio Ferro in qualità di facente funzione che è subentrato a Pier Paolo Benetollo, il quale ha lasciato il ruolo a seguito della riconferma dell'ex primario Tateo, coinvolto nella vicenda che riguarda la scomparsa della giovane ginecologa Sara Pedri (Qui articolo).

 

A sua volta Benetollo aveva preso il testimone da Paolo Bordon, trasferitosi a Bologna non senza qualche polemica nei confronti della Provincia.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 May - 20:31
All'alba era partito con ramponi e piccozza, oltre agli sci agganciati allo zaino, per raggiungere la vetta con l'amico Andrea Bonn. Era molto [...]
Cronaca
22 May - 19:16
Il compagno alla guida della moto è uscito praticamente illeso dall'incidente, mentre nonostante il tempestivo intervento dei soccorritori la [...]
Cronaca
22 May - 16:45
In alcuni casi oltre alla pioggia è arrivata anche la grandine che nella zona di Folgaria e Lavarone ha raggiunto le dimensioni di una pallina da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato