Contenuto sponsorizzato

Sanità trentina, lunghe liste d'attesa e carenza di personale. Il Patt: "Per accorciare i tempi i pazienti si rivolgono al privato. Mancano i medici? Servono nuove strategie"

I consiglieri del Patt Michele Dallapiccola e Paola Demagri hanno presentato delle interrogazioni per chiedere nuove strategie e norme per affrontare i problemi attuali della sanità trentina. Tra questi l’attuale impossibilità che i medici assunti presso le Apsp possano essere iscritti al Corso di medicina generale. Demagri e Dallapiccola: "L’ostacolo potrebbe essere risolto modificando la normativa"

Di F.C. - 13 marzo 2022 - 19:16

TRENTO. “La situazione in Trentino è molto problematica poiché le liste d’attesa sono esageratamente lunghe e il tempo per risolvere i problemi è scaduto”. Questo è quanto propongono gli atti politici dei due consiglieri del Patt, Michele Dallapiccola e Paola Demagri, che hanno interrogato la Giunta provinciale per sapere come si intende risolvere il problema delle liste d’attesa e della carenza di personale sanitario.

 

“Si chiede se siano previste strategie nuove, poiché con la carenza di medici e sanitari l’unica soluzione (da sempre) è quella di chiedere ai professionisti uno sforzo ulteriore per garantire maggior presenza e maggior attività – continuano i consiglieri –  però forse è il momento opportuno per valorizzare adeguatamente le persone coinvolte”.

 

Da non sottovalutare che nel caso in cui "l’unica strategia messa in piedi dalla governance aziendale sia quella economica, come è già accaduto in passato, l’incentivo non sia di pochi ma di tutti". Abbattere le liste d’attesa per interventi chirurgici ha uno scenario di professionisti molto ampio, che non si  esaurisce solo dentro il blocco operatorio: "Va evitata quindi ogni forma di discriminazione - sostengono - nella classe dei professionisti perché gli anestesisti non sono né più né meno importanti degli infermieri o dei chirurghi o degli Oss. Il paziente ha bisogno di un equipè".

 

Uno degli obiettivi primari della sanità pubblica è quello di agire nell'interesse di tutti e di poter garantire a tutti i cittadini lo stato di salute: "Per questo è necessario che il sistema sia in grado di gestire con ordine le liste d’attesa, dando certezza a ogni persona dei tempi per controlli, ricoveri e interventi chirurgici. Quando la tempistica non è chiara si crea uno stato d’ansia in coloro che sono in attesa e anche nei familiari degli stessi".

 

Va da se che non riuscire a programmare interventi e prestazioni finalizzate a diagnosi e cure del proprio stato di malattia "porta ad aumentare la percezione da parte dei cittadini di un sistema sanitario poco efficiente". In questa situazione inoltre il soggetto coinvolto cerca, per quanto possibile, di "accorciare i tempi rivolgendosi alla sanità privata che spesso garantisce tempi più brevi, rendendo di fatto ancora peggiore l’immagine della sanità pubblica".

 

I problemi poi non si fermano solo alle liste d’attesa, poiché la carenza di medici "deve indurre la Provincia a trovare nuove strategie e nuove norme coerenti con lo scenario attuale. Si è molto parlato della carenza di professionalità in Azienda sanitaria ma la medesima situazione si verifica anche in altre strutture, quali per esempio le Apsp".

 

In particolare si fa riferimento all’attuale impossibilità che "i medici assunti presso le Apsp possano contestualmente essere iscritti al Corso di medicina generale. Sussiste infatti una incompatibilità fra il contratto con l’Apsp e la frequentazione del corso di Medicina generale, poiché il contratto nel caso delle Apsp risulta essere un contratto libero professionale mentre per i medici che si stanno specializzando è permesso solamente avere un contratto pubblico con l’Apss".

 

Tale incompatibilità mette ovviamente il professionista "nella condizione di dover rinunciare all’incarico da libero professionista, lasciando quindi scoperta l’Apsp che deve correre ai ripari ricercando nuovi medici e trovando al momento poca se non nulla disponibilità tra nuovi professionisti e rara e preziosa disponibilità tra i medici in quiescenza".

 

Secondo Dallapiccola e Demagri, "è fondamentale che si trovi una rapida soluzione al problema, considerando che gli iscritti alla specializzazione in Medicina generale sono una preziosa risorsa per le Apsp e che l’ostacolo potrebbe essere risolto modificando la normativa".

 

In Trentino in questi ultimi anni la condizione d’emergenza dovuta alla pandemia "ha di fatto stravolto, in nome di una battaglia più imminente, tutti i sistemi che negli anni erano stati messi in atto per garantire una certa pianificazione sanitaria e il trattenimento dei professionisti, che invece come uno stillicidio stanno lasciando l’azienda sanitaria per rivolgersi a strutture private o per andare a lavorare fuori provincia"

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 28 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
30 giugno - 13:23
Il mare è entrato nel fiume Po per 30 km e non era mai successo: record del cuneo salino.  Oggi l'Osservatorio crisi idriche [...]
Politica
30 giugno - 10:25
La frase è stata pronunciata dal consigliere comunale Lorenzo Prati che nel corso della seduta si è rifiutato di scusarsi. Il presidente del [...]
Cronaca
30 giugno - 12:02
I pompieri hanno quindi intercettato l’animale all’interno dell’area di servizio Eni, nelle vicinanze del luogo da dove era fuggito
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato