Contenuto sponsorizzato

Autonomia differenziata, Kompatscher: "Se vengono attribuite nuove competenze alle Regioni ordinarie, come in materia ambiente, le chiederemo anche noi''

Il presidente della Provincia di Bolzano ha ribadito al ministro Calderoli l'assoluta urgenza di riprendere i lavori nelle Commissioni dei 6 e dei 12 per approvare le norme d'attuazione sul volontariato, sull'iscrizione agli albi professionali, sull'assunzione del personale e sull'autonomia nello sport

Pubblicato il - 25 marzo 2023 - 21:26

BOLZANO. "Opportunità ma anche rischi", queste le parole del presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, nel corso della conferenza "Autonomia differenziata e specialità - Risultati raggiunti e prospettive future" organizzata alla Casa della Contadinanza del Castello di Udine. Sono intervenuti nell'incontro il ministro per gli Affari regionali e le AutonomieRoberto Calderoli, il presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia e presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonomeMassimiliano Fedriga, l'assessora alle Finanze della stessa RegioneBarbara Zilli, e il sindaco di UdinePietro Fontanini.

 

Il presidente della Provincia di Bolzano ha colto l'occasione per ribadire al ministro Calderoli l'assoluta urgenza di riprendere i lavori nelle Commissioni dei 6 e dei 12 affinché vengano approvate  importanti norme d'attuazione - già discusse a livello politico - come quelle sul volontariato, sull'iscrizione agli albi professionali e sull'assunzione del personale, nonché quella sull'autonomia nello sport.

 

Nella conferenza è stato fatto il punto sulla riforma portata avanti dallo stesso ministro Calderoli (nei giorni scorsi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il disegno di legge delega, che può ora essere presentato in Parlamento) dal punto di vista di due delle cosiddette "speciali", appunto la Regione Friuli-Venezia Giulia e la Provincia di Bolzano.

 

"La nostra posizione sull'Autonomia differenziata è quella che ho già espresso in diverse occasioni: l'attuazione dell'articolo 116 comma 3 della Costituzione non riguarda le Regioni e le Province autonome, ma è comunque un tema importante da presidiare, perché questa riforma può avere effetti positivi ma anche negativi per le nostre autonomie speciali. Mi riferisco in particolar modo ai livelli essenziali delle prestazioni, ai fabbisogni standard e ai costi standard. Questi non devono avere l'effetto di definire anche il modo nel quale le prestazioni devono essere erogate e i contenuti stessi delle prestazioni, perché sminuirebbe l'autonomia delle Regioni, anche di quelle a statuto speciale".

 

Rischi, quindi, ma anche opportunità per l'Autonomia altoatesina: "Se fossero attribuite alle Regioni a statuto ordinario nuove competenze, ad esempio in materia di ambiente, potremmo chiedere di ottenere anche noi queste prerogative", conclude Kompatscher. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 maggio - 20:35
L'incontro tra l'escursionista e i due esemplari è avvenuto nella mattinata odierna: l'uomo ha chiamato il corpo forestale che l'ha "guidato" sino [...]
Politica
24 maggio - 18:47
Qualche giorno fa il sindaco di Trento commentava che il caso di Forti poteva creare maggiore consapevolezza sulle condizioni di vita delle persone [...]
Montagna
24 maggio - 18:19
Ad un mese dall'incidente, a giungere sul luogo dove il tutto è avvenuto è stato Luca Calzone, alpinista che ha deciso di mostrare sui social [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato