Contenuto sponsorizzato

Viabilità dell'alta Vallagarina, dalla circonvallazione a Calliano alla galleria per superare Volano: le ipotesi della Pat per risolvere le criticità

A Volano la riunione tra i sindaci e i tecnici provinciali per analizzare le soluzioni del sistema viario tra Rovereto e Besenello: ecco tutte le ipotesi sul tavolo. La Pat: “Ora la palla passa alle amministrazioni, chiamate a esprimersi in merito ai progetti illustrati”

Di F.S. - 22 febbraio 2024 - 17:12

TRENTO. Criticità della viabilità in Vallagarina: ecco tutte le ipotesi per superare le criticità messe sul tavolo dalla Provincia. Da Sant'Ilario a Besenello infatti, da tempo si discute delle difficoltà che si trovano ad affrontare in particolare quei centri urbani, come Volano e Calliano, attraversati dalla Ss12, con tutti i rischi e le problematiche del caso. E proprio a Volano si sono riuniti i sindaci interessati ed i tecnici provinciali per analizzare le soluzioni del sistema viario, tra l'ipotesi di una circonvallazione a Calliano fino alla variante di Sant'Ilario.

 

“I progetti presentati – ha detto il presidente Fugatti – sono il frutto del lavoro svolto sulla base delle richieste ricevute. Si tratta di ipotesi progettuali basate su analisi del traffico volte a individuare le migliori soluzioni per alleggerire la Ss12 in alcuni punti critici come Sant'Ilario, Volano e Calliano. Le amministrazioni potranno proporre eventuali richieste di modifiche puntuali, sempre rispettando l'impianto generale”. Presenti i sindaci dei centri abitati interessati dai progetti - Giulia Robol per Sant’Ilario-Rovereto, Maria Furlini per Volano, Lorenzo Conci per Calliano, Cristian Comperini per Besenello e Rinaldo Maffei per Nomi - e il presidente della Comunità della Vallagarina Stefano Bisoffi. L’ingegnere della provincia Mario Monaco, coadiuvato da Luciano Martorano, Michele Vicentini e Mauro Zambotto hanno spiegato la genesi delle soluzioni partendo dalle ipotesi già fornite negli anni scorsi fino alle soluzioni più recenti.

 

“Partendo da nord – dicono dalla Provincia – il primo intervento riguarda Besenello. Secondo l'ipotesi proposta, l’attuale strada devierà dalla sede attuale poco prima della zona artigianale, scavalcherà la ferrovia e la affiancherà per poi rientrare sulla carreggiata esistente immediatamente a sud dell’abitato. Per quanto riguarda Calliano due le ipotesi previste: la prima è una circonvallazione a monte con partenza dalla zona produttiva a nord e sbocco dopo la zona produttiva a sud prima di Castel Pietra, con una rotatoria all’incrocio con la SS 350 che porta verso gli altipiani Cimbri; la seconda è una circonvallazione a valle della ferrovia, deviazione verso nord all’altezza di Via Marcolini e ritorno sulla strada statale esistente all’altezza di Castel Pietra”.

 

Più complessa invece la situazione a Volano. “Anche qua – dice la Pat – sono state proposte due alternative, una a valle e una a monte. In quest’ultima il progetto propone una galleria con imbocco immediatamente prima della zona industriale e sbocco a sud di Volano, mentre la prima ipotesi prevede una strada a valle dell'abitato che affianca la ferrovia, passando sotto via degli Alpini, si collega all'attuale viadotto di Sant'Ilario che porta allo stadio Quercia.Il progetto complessivo prevede anche la variante di Sant'Ilario tramite una bretella che dall’incrocio di via Stroperi (dove verrebbe realizzata un rotatoria di svincolo con la SS 12 attuale) si collega a via degli Alpini dove è prevista una nuova rotatoria di svincolo con la viabilità esistente. È stata inoltre illustrata una diversa soluzione che prevede un nuovo viadotto dalla val di Riva alla rotatoria di Nogaredo scavalcando Adige e A22 alternativo all'attuale ponte sull'Adige che rimarrebbe a servizio della viabilità locale”.

 

Infine, per quanto riguarda l’abitato di Nomi: “Sono state ipotizzate due proposte che riguardano l'eliminazione del semaforo che regola il traffico all’altezza dell’incrocio tra la strada provinciale e la strada comunale di accesso alla zona nord del paese prevedendo la possibilità di entrata nel borgo solo per chi proviene da nord. La prima proposta prevede la costruzione di una rotatoria che si collega direttamente con via Roma, la seconda una rotonda che si collega con via Roma e con il ponte che porta a Calliano. Soluzioni molto diverse che comportano vantaggi, criticità e costi anche molto differenti tra loro. Ora la palla passa alle amministrazioni, chiamate esprimersi in merito ai progetti illustrati”.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
13 aprile - 19:52
Il video della titolare del Perla Bar in via Belenzani sui social dopo la multa ricevuta venerdì sera per aver fatto 15 minuti di musica in più : [...]
Cronaca
13 aprile - 19:02
La macabra scoperta ad Aprica, in Provincia di Sondrio, dove a quanto pare la famiglia si era trasferita durante la pandemia. Da quanto emerso pare [...]
Cronaca
13 aprile - 17:47
Il comune di Santa Giustina ha predisposto il ripristino dell'area: l'altana è stata costruita in una zona di proprietà del demanio idrico. Gli [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato