Contenuto sponsorizzato

'Doppio lavoro', sei docenti dell'Università di Trento nel mirino delle Fiamme Gialle

Un'indagine partita da Roma sta setacciando gli atenei di tutta Italia. Fino ad ora sono 411 i professori su cui la Guardia di Finanza sta procedendo con gli accertamenti. Sei insegnano a Trento

Pubblicato il - 08 maggio 2018 - 09:51

TRENTO. Tra i 411 docenti italiani finiti nel mirino della Guardia di Finanzia ci sono anche sei professori dell'Ateneo trentino. L'indagine è partita con l'intenzione di accertare il fenomeno del 'doppio' lavoro', della libera professione non autorizzata svolta dai professionisti al di fuori dell'attività di insegnamento.

 

Fino ad ore, il danno erariale contestato dai militari delle Fiamme Giallea 172 docenti è di 42 milioni di euro, cifra che potrebbe salire nelle prossime ore e con gli accertamenti conseguenti, dopo che di queste prime evidenze è stata informata la Corte dei Conti che sta già procedendo nei confronti delle prime segnalazioni.

 

Ad occuparsi di questa indagine, che sta setacciando tutte le università italiane, è il Nucleo speciale Spesa pubblica della Guardia di Finanza di Roma. Nucleo che ha inserito negli accertamenti - senza avanzare, per ora, alcuna contestazione - anche sei docenti dell'Ateneo del capoluogo trentino

 

I docenti finiti nel mirino appartengono soprattutto ai dipartimenti di ingegneria, economia e giurisprudenza. L'indagine si è mossa incrociando i dati delle Partite Iva con le ore effettivamente svolte all'interno dell'università, soprattutto quelle dedicate ai corsi di formazione, alla ricerca e all'aggiornamento e alle altre mansioni che i docenti con il 'doppio lavoro' trascuravano per dedicarsi all'attività in libera professione. 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 11:24

Preoccupa la variante sudafricana che è stata trovata in 15 comuni che per un'altra settimana avranno misure restrittive maggiori. Nelle ultime 24 ore sono aumentati di otto i pazienti ricoverati nei reparti ordinari degli ospedali 

07 marzo - 09:49

"Abbiamo una sede di 500 metri quadri coperti e un parcheggio privato di 18 posti auto con altri parcheggi vicini” ha spiegato l'Imam Aboulkheir Breigheche. Yassine Lafram, presidente dell'Unione delle Comunità Islamiche del nostro Paese: “Con grande sensibilità per il tema della sanità pubblica e un grande senso di appartenenza siamo disponibili a dare il nostro contributo per uscire tutti insieme al più presto da questa situazione”

07 marzo - 09:13

Secondo una prima ricostruzione l’auto, una Fiat Panda, guidata dal 35enne ha accidentalmente invaso la corsia opposta proprio mentre stava sopraggiungendo il furgone guidato dal fratello Manuel. L’impatto è stato terribile, nell’incidente ha perso la vita Amos Dalla Verde

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato