Contenuto sponsorizzato

Corte dei Conti, per Maffei e Giuri danno erariale all'Università per 153 mila euro. L'indagine della Guardia di Finanza

L'invito a dedurre è arrivato nei giorni scorsi a Rinaldo Maffei, ex responsabile della Direzione patrimonio immobiliare appalti dell'Università di Trento e a Lucilla Giuri nella sua qualità di Responsabile pro-tempore della Segreteria Tecnica della Direzione Patrimonio Immobiliare Appalti

Pubblicato il - 28 luglio 2018 - 15:17

TRENTO. Un danno erariale nei confronti dell'Università di Trento di 153 mila euro. Questa l'ipotesi di cifra che la Corte dei Conti ha chiesto a Rinaldo Maffei, ex responsabile della Direzione patrimonio immobiliare appalti dell'Università di Trento e a Lucilla Giuri nella sua qualità di Responsabile pro-tempore della Segreteria Tecnica della Direzione Patrimonio Immobiliare Appalti dell'Università degli Studi di Trento. Nello specifico al primo l'ipotesi di richiesta è di 140 mila euro mentre alla seconda 13 mila euro.

 

Nei giorni scorsi, alle parti è arrivato l'invito a dedurre e quindi di spiegare le scelte operate e che hanno poi portato, secondo le ipotesi dell'accusa, al danno erariale.

 

Secondo le indagini portate avanti,  Maffei e Giuri si sarebbero accordati per al fine di turbare, in concorso con altri professionisti, il procedimento amministrativo diretto alla predisposizione ed alla presentazione del bando di gara per la ristrutturazione della nuova sede della Direzione patrimonio immobiliare appalti a Trento, via Rosmini 70.

 

Questo in violazione delle normative provinciali e nazionali riguardanti la disciplina delle attività contrattuali in seno alla Pubblica Amministrazione e dei regolamenti attuativi in materia di lavori, affidamenti incarichi, servizi e forniture pubbliche, condizionando la modalità di scelta del contraente.

 

In particolare, dopo aver fatto predisporre il progetto esecutivo per la ristrutturazione, di un valore di oltre 800 mila euro, l'opera è stata frazionata in 29 affidamenti diretti, affidando poi arbitrariamente i lavori di fornitura e posa in opera, senza ricorrere ad alcuna procedura concorrenziale. Un sistema, questo, che, secondo le indagini portate avanti, va ricollegato alla volontà di avere mano libera nell’individuare le imprese aggiudicatrici dei singoli lavori.

 

Le persone coinvolte nell'indagine avranno ora l'opportunità di spiegare la scelta di frazionare i lavori di ristrutturazione.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

19 settembre - 16:11

Hoffer di Nursing up punta il dito contro Pat e Apss: “Dire che ora tutto va bene, equivale a nascondere la polvere sotto il tappeto, se non verremo ascoltati scenderemo in piazza”. Per il 2 novembre è stato proclamato lo sciopero generale nazionale del pubblico impiego

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato