Contenuto sponsorizzato

Presunto danno erariale per oltre 15 mila euro, nei guai il Servizio istruzione della Provincia

Tra gli incarichi anche l'elaborazione dell'Icef, delle borse di studio e la costruzione di modelli informatici di simulazione e impatto dei nuovi dati. Secondo la procura però la Provincia avrebbe potuto affidare il compito a una realtà "in house"

Pubblicato il - 27 agosto 2018 - 16:56

TRENTO. Un presunto danno erariale da 15.677 euro e nei guai finisce il Servizio istruzione e formazione di secondo grado della Provincia di Trento.

 

Nei giorni scorsi, la procura ha, infatti, emesso e notificato un invito a dedurre nei confronti del dirigente del servizio per un incarico esterno di studio e consulenza a favore della Clesius Srl.

 

Tra gli incarichi anche l'elaborazione dell'Icef, delle borse di studio e la costruzione di modelli informatici di simulazione e impatto dei nuovi dati.

 

La contestazione, come anticipato, è relativa a un presunto danno erariale da ricollegare a quanto corrisposto alla società affidataria quale corrispettivo per la prestazione assegnata, cioè 15.677 euro.

 

Una prestazione che, secondo la procura, avrebbe potuto svolgere un'azienda "in house" provinciale, specializzata in informatica.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 febbraio - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

28 febbraio - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato