Contenuto sponsorizzato

Presunto danno erariale per oltre 15 mila euro, nei guai il Servizio istruzione della Provincia

Tra gli incarichi anche l'elaborazione dell'Icef, delle borse di studio e la costruzione di modelli informatici di simulazione e impatto dei nuovi dati. Secondo la procura però la Provincia avrebbe potuto affidare il compito a una realtà "in house"

Pubblicato il - 27 agosto 2018 - 16:56

TRENTO. Un presunto danno erariale da 15.677 euro e nei guai finisce il Servizio istruzione e formazione di secondo grado della Provincia di Trento.

 

Nei giorni scorsi, la procura ha, infatti, emesso e notificato un invito a dedurre nei confronti del dirigente del servizio per un incarico esterno di studio e consulenza a favore della Clesius Srl.

 

Tra gli incarichi anche l'elaborazione dell'Icef, delle borse di studio e la costruzione di modelli informatici di simulazione e impatto dei nuovi dati.

 

La contestazione, come anticipato, è relativa a un presunto danno erariale da ricollegare a quanto corrisposto alla società affidataria quale corrispettivo per la prestazione assegnata, cioè 15.677 euro.

 

Una prestazione che, secondo la procura, avrebbe potuto svolgere un'azienda "in house" provinciale, specializzata in informatica.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 maggio - 06:01

Si riaccende lo scontro sulla nomina di Divina a presidente del Centro Santa Chiara, Ghezzi: “L'assessore conferma la sua straordinaria faccia tosta, anziché prendere le distanze tira in ballo l’articolo 21 per difendere una figura vicina al suo partito”. E sulla nomina rincara la dose: “Pur di piazzare un uomo di fiducia sono state forzate le leggi”

28 maggio - 23:41

L'episodio sarebbe avvenuto nella giornata di mercoledì 27 maggio e in agenda c'era un incontro per discutere sulla disponibilità delle piazze per alcuni eventi. Il dj roveretano vorrebbe organizzare i Mercatini di autunno e Natale tra piazza Fiera e piazza Battisti a Trento, ma gli spazi non sarebbero stati concessi

28 maggio - 18:31

L'episodio è stato ripreso e il visto postato sui social. Ora è intervenuto il coordinamento ambientalista trentino formato da Enpa, Lav, Lac, Lipu, Pan-Eppaa e Wwf

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato