Contenuto sponsorizzato

Coronavirus e distanziamento, i bambini delle colonie estive controllati con sensori dentro i marsupi: “Con questo sistema sarà più facile risalire ai contagi”

Al via la sperimentazione in due colonie estive trentine: grazie a dei sensori, che bambini e i membri del personale indosseranno con un marsupio, sarà possibile verificare il rispetto delle norme anti-coronavirus: “Vogliamo favorire un cambiamento di comportamento in bambini e addetti ai lavori”

Di Tiziano Grottolo - 21 agosto 2020 - 16:44

TRENTO. Lo scorso 17 agosto è ufficialmente iniziata la sperimentazione di “Janus”uno speciale sensore con l’obiettivo di aumentare la sicurezza nelle attività estive per bambini. Dopo l’approvazione delle linee guida per i servizi estivi dedicati a bambini e adolescenti, la Provincia, in collaborazione con la Fondazione Bruno Kessler, ha deciso di attivare una fase sperimentale di monitoraggio per verificare l’effettiva osservanza, da parte del personale e dei bambini ospiti, delle norme contro il coronavirus.

 

Grazie ai 52 sensori, che saranno indossati dai bambini e dal personale all’interno di piccoli marsupi, sarà possibile monitorare gli spostamenti e il distanziamento tenuto, in particolare per quanto riguarda i tempi del rapporto di prossimità e di allontanamento. Per il momento gli speciali sensori, che rimarranno attivi fino al 4 settembre, sono stati adottati nelle due colonie estive di Povo e ad Andalo

 

“Ritornare nei luoghi della socializzazione dopo l'emergenza Covid-19 – dichiara il Dirigente generale dell’Agenzia per la famiglia Luciano Malfer – comporta l’esigenza di controllare e monitorare il rispetto delle norme stabilite per garantire la sicurezza negli spazi sociali di convivenza tra cui, in primis, il distanziamento fisico stabilito in un metro di separazione”. I sensori “Janus”, sviluppati dall’unità di ricerca E3Da di Fbk, non si limitano a registrare i movimenti e le interazioni sociali: Vogliamo favorire un cambiamento di comportamento in bambini e addetti ai lavori – spiega Malfer – che deve essere affiancato da un percorso educativo, finalizzato a promuovere consapevolezza e senso di responsabilità reciproca”.

 

La sperimentazione ha all’incirca le stesse finalità della app “Immuni”. “Tutti gli eventi registrati dai sensori vengono memorizzati e possono permettere la ricostruzione di eventuali catene di contagio nel caso in cui un operatore o un fruitore del servizio dovesse risultare positivo al Covid-19”, afferma Bruno Lepri, responsabile dell’Unità di ricerca MobS di Fbk. “In concreto – aggiunge Lepri – ogni sensore indossato da ciascun bambino legge anche i sensori indossati dagli altri bambini e registra i tempi in cui giocano e stanno assieme e le relative distanze fisiche. I dati sono forniti in forma anonima e non rilevano dati sanitari.”

 

L’adozione di soluzioni tecnologiche per il monitoraggio del distanziamento fornisce dati importanti per capire i modelli di comportamento in specifici luoghi sociali ed ambientali e possono quindi servire a creare delle stime di rischio legate a questi setting e a specifici comportamenti. A fine settembre Fbk renderà noti i dati registrati dai sensori ed è ipotizzabile, ma non ancora confermato, che i sensori verranno introdotti in una scuola provinciale per proseguire la fase di sperimentazione anche all’interno degli ambienti scolastici.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 11:06

Gian Marco Prampolini, presidente Leal, e Natascia Pecorari, presidente di Salviamo gli Orsi della Luna, hanno fatto la richiesta agli atti e ottenuto il report della visita dei carabinieri di Costa dentro il Casteller: ''Stanno facendo vivere ai tre orsi un vero calvario. Temiamo per la loro vita e attendiamo fiduciosi che il Ministro Costa, che prima di noi ha ricevuto la relazione del sopralluogo dei Cites, faccia la sua parte e prenda provvedimenti previsti dalla legge''

01 ottobre - 12:26
Il conducente della vettura si è accorto di un po' di fumo uscire dalla parte anteriore del mezzo all'altezza di passo Cereda. In azione la macchina dei soccorsi
01 ottobre - 11:42

Il bollettino sulla situazione Coronavirus in Alto Adige segna nelle ultime 24 ore un incremento di 29 nuovi casi su 1734 tamponi. Sale a 3568 il numero di contagi da inizio epidemia, mentre quello dei decessi è fermo da tempo a 292. Dopo i 4 studenti infetti comunicati ieri dalla Provincia, le persone in isolamento e quarantena salgono a 1640

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato