Contenuto sponsorizzato

Di cosa si parlava su twitter durante la Fase-1 del coronavirus in Italia? Risponde la Fbk di Trento con un'indagine svolta su milioni di tweet

Quali sono le differenze tra gli hashtag cercati dai trentini durante il 2019 e la durante Fase-1 del coronavirus? I ricercatori della Fondazione Bruno Kessler di Trento hanno analizzato milioni di tweet postati tra il 15 febbraio e il 12 maggio 2020 proprio per rispondere a questa curiosità. Ecco tutti i confronti regione per regione

Pubblicato il - 11 giugno 2020 - 16:26

TRENTO. I ricercatori della Fondazione Bruno Kessler di Trento hanno analizzato milioni di tweet geolocalizzati, ovvero quei tweet in cui l’utente ha volontariamente deciso di condividere la propria posizione, postati tra il 15 febbraio e 12 maggio 2020, e hanno misurato sia la frequenza degli hashtag sia i concetti presenti nei messaggi. Per fare un confronto, la stessa analisi è stata poi effettuata sui tweet geolocalizzati postati nello stesso periodo del 2019.

 

I risultati sono stati quindi suddivisi per regione e rappresentati graficamente tramite delle tag cloud in modo da evidenziare le principali parole chiave. I dati sono stati anonimizzati e aggregati a livello regionale, garantendo il rispetto delle norme vigenti in materia di privacy.

 

“L’attività di ricerca necessaria per questa analisi - spiega Manlio De Domenico, fisico dei sistemi complessi e responsabile dell’Unità CoMuNe Lab alla Fbk - è stata effettuata nell’ambito del progetto bandiera Computational Human Behavior (CHuB). Il progetto si propone di capire meglio i comportamenti collettivi che possono essere misurati sui social media, come Twitter. Lo scopo è quello di avere una lente sul territorio basata sui big data, che permetta di capire meglio le problematiche dei cittadini e la loro risposta alle scelte dei decisori politici. E’ in questo contesto che CoMuNe Lab, afferente alla linea di ricerca Digital Society, raccoglie dati su tutto il territorio italiano dagli inizi del 2019. I messaggi pubblici considerati sono quelli che contengono informazione di geolocalizzazione autorizzata dall’utente e vengono successivamente anonimizzati ed aggregati a livello di regione, per garantire il rispetto della privacy individuale. I dati considerati sono quelli relativi all’intera discussione pubblica, quindi non soltanto legata alla recente evoluzione della pandemia di COVID-19”.

 

Lo studio riporta il risultato di due analisi distinte: da un lato la frequenza degli hashtag utilizzati, espressione della volontà individuale di collocare il proprio tweet nell’ambito dell’attenzione collettiva su un determinato argomento; dall’altro, la frequenza dei concetti utilizzati per esprimere il proprio pensiero. Nella seconda analisi, sono state utilizzate tecniche di machine learning per automatizzare il processo e analizzare le centinaia di migliaia di tweet postati tra febbraio e maggio, rispettivamente nel 2019 e nel 2020.

 

Ecco qui i risultati per il Trentino. A sinistra gli hashtag più cercati nello stesso periodo del 2019, a destra invece quelli riferiti al 2020:

E qui quelli dell'Alto Adige:

 

Tutte le rappresentazioni grafiche dello studio suddivise per regioni sono cliccando qui.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato