Contenuto sponsorizzato

La Fondazione Bruno Kessler diventa partner dell'Organizzazione mondiale della sanità: una nuova iniziativa di monitoraggio dell’infodemia da Covid-19 nel mondo

L'emergenza coronavirus ha chiaramente dimostrato che la dimensione socio-comportamentale può rivelarsi importante tanto quanto quella medico-pubblica per il controllo della diffusione del contagio e per mitigare le perdite in termini di vite umane e risorse. Le nostre società cercano i mezzi necessari per affrontare questa sfida, specialmente in un mondo estremamente digitalizzato e iperconnesso

Di L.A. - 30 giugno 2020 - 12:11

TRENTO. La crisi pandemica si accompagna a quella infodemica, che viaggia su un binario parallelo e complementare, responsabile della propagazione incontrollata di informazioni false o tendenziose che influenzano negativamente i comportamenti sociali e possono portare a pericolose conseguenze sulla tutela della salute e sull'efficacia delle politiche di prevenzione e contenimento messe in atto dalla sanità pubblica. 

 

E' quindi necessario prevedere anche per le infodemie un analogo livello di expertise scientifica e la messa a punto di opportune politiche di gestione. Un po' come avvenuto per l'epidemia. In questo senso si inserisce la partnership tra Fondazione Bruno Kessler e l'Organizzazione mondiale della sanità

 

L'unità di ricerca CoMuNe (Complex multilayer networks), che si occupa di analisi e modellazione dei sistemi complessi, può compiere ora un altro concreto passo in avanti. E parte dall'Osservatorio sull'infodemia da Covid-19, recentemente inaugurato da Fbk, una risorsa che offre un punto di partenza iniziale per studiare il risvolto infodemico della pandemia, stabilire il livello di rischio nei diversi Paesi e individuare di conseguenza delle azioni compensative e di contenimento (Qui articolo). 

 

L'emergenza coronavirus ha, infatti, chiaramente dimostrato che la dimensione socio-comportamentale può rivelarsi importante tanto quanto quella medico-pubblica per il controllo della diffusione del contagio e per mitigare le perdite in termini di vite umane e risorse. Le nostre società si trovano, tuttavia, sprovviste dei mezzi necessari per affrontare questa sfida, specialmente in un mondo estremamente digitalizzato e iperconnesso in cui i comportamenti umani vengono rapidamente influenzati dalle informazioni e dalle opinioni diffuse dai social media e, più in generale, dai vari canali digitali.

 

La squadra di ricercatori Fbk, guidata da Manlio De Domenico (responsabile del CoMuNe Lab) è già al lavoro per sviluppare una piattaforma di big-data per il monitoraggio in tempo reale della diffusione della cattiva informazione e della disinformazione nel mondo (Qui info). 

"L’informazione viaggia più veloce di Covid-19 - spiega De Domenico - ma l’evoluzione è strettamente connessa al contesto geografico di riferimento: sono entrambi una minaccia per la salute pubblica. I dati analizzati vengono studiati dall’infodemiologia, per comprendere meglio i meccanismi alla base dell’infodemia da coronavirus".

 

I risultati vengono poi utilizzati dal professore Pierluigi Sacco (ricercatore associato in Fbk; professore associato presso il Berkman-center of internet & society della Harvard University; responsabile della sede dell’Oecd di Venezia e professore alla Iulm di Milano) per analizzare i meccanismi socio-comportamentali dietro alla creazione, diffusione e amplificazione di informazioni tendenziose e fake news e per mettere a punto di conseguenza strategie di compensazione e contenimento. "Quantificare il rischio infodemico è molto importante per poter poi prendere decisioni adeguate e per individuare politiche ad hoc per ridurre e arginare le minacce alla salute pubblica", aggiunge De Domenico.

 

L’Osservatorio sull’infodemia da Covid-19 è una collaborazione che durerà sei mesi, finalizzata allo sviluppo di una piattaforma computazionale per il monitoraggio interattivo e la visualizzazione dell’infodemia sui social media e per fornire un report dello stato della stessa a livello mondiale. L’iniziativa è il primo progetto in Fbk finanziato dall’Oms e getta le basi per trasformare la Fondazione in un centro per il controllo dell’infodemia in diretta collaborazione con l’Organizzazione mondiale della sanità.

 

"Questo progetto - commenta Sacco - equipaggerà l’Oms e gli Stati Membri con uno strumento computazionale che permetterà di monitorare l’infodemia a livello globale attraverso le lenti della scienza dei sistemi complessi. E' un’opportunità davvero unica per andare a fondo di un fenomeno digitale rilevante, non solo per la pandemia in corso e che ci aspettiamo diventare sempre più frequente in futuro". 

 

L’iniziativa capitalizza il progetto già esistente di CoMuNe Lab, l’Osservatorio sull’Infodemia da Covid-19, lanciato a marzo e sviluppato nell’ambito del progetto sul Comportamento umano computazionale diretto congiuntamente da De Domenico e Sacco. La piattaforma è studiata per monitorare lo stato attuale dell’infodemia a livello mondiale e su larga scala e si completa con un cruscotto per l’analisi emotiva e psicologica dei contenuti e l’individuazione di account supportati da software (come i social bot) basati su tecniche di scienza delle reti e di intelligenza artificiale. Proprio sul tema dell’infodemia è uscito anche uno studio in collaborazione con Who e altre organizzazioni sulla rivista internazionale Jmir (Qui info).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 agosto - 12:48

Si dice che sia stata la prima a presentarsi per ritirare i materiali elettorali, Alice Barbu si candida per rappresentare la sua comunità e tutti i lavoratori stranieri che vivono a Trento: “In città ci sono ancora molti ostacoli da superare”. Di Ianeselli dice: “È uno che si dà veramente da fare”, mentre sulle chiusure domenicali: “Non mi pare una buona idea impedire a noi imprenditori di lavorare”

05 agosto - 13:38

I carabinieri di tutta la zona sono stati allertati e in questo momento è in corso una vasta operazione. I ladri si sono serviti addirittura di un escavatore per distruggere le colonnine per il pagamento della benzina e impadronirsi del contante 

05 agosto - 13:05
Il conducente ha notato un po' di fumo fuoriuscire dalla parte anteriore del veicolo, quindi si è fermato nel piazzale del supermercato della Famiglia cooperativa. Tempestivo l'intervento dei vigili del fuoco di Vermiglio
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato