Contenuto sponsorizzato

L'Hackathon Figc, ideato dall'Università di Trento, sbarca in Europa

Il progetto è stato presentato a Bruxelles ai rappresentanti delle istituzioni europee. Niccolò Donna (Responsabile ufficio studi, iniziative speciali e responsabilità sociale d´impresa della Figc): ""Un workshop informale e di prospettiva, che conferma la volontà della Fic di internazionalizzare le idee e di fare squadra"

Di Luca Andreazza - 01 agosto 2017 - 21:34

BRUXELLES (Belgio). Il primo hackathon del calcio italiano, iniziativa ideata dall'Università di Trento e fin da subito sostenuta dalla Federazione italiana, sbarca in Europa, Bruxelles per la precisione, e conquista la curiosità di stakeholders europei, rappresentanti delle istituzioni e il mondo dell'innovazione. 

 

Dopo aver incontrato tra i principali club in ritiro in Trentino (Qui articolo), le tappe di avvicinamento alla maratona di 48 ore per innovatori digitali con l’obiettivo di elaborare nuove soluzioni per lo sviluppo del calcio in programma il 14 e 15 ottobre a Trento (Qui info) proseguono a ritmi serrati (Qui articolo sul progetto).

Il convegno alla sala della Rappresentanza della Regione Europea Tirolo-Alto Adige-Trentino intitolato 'Sport & Innovation: Reflections from the Heart of Europe' si è rivelato un'occasione per riflettere sulla dimensione duale di sport e innovazione: un percorso iniziato nel corso dell'Universiade Trentino 2013 e sviluppata dalla Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione europea e perseguita da tutti i relatori che hanno presentato visioni complementari e alternative sul tema. 
 
Il seminario è stato preceduto da due incontri istituzionali tra Niccolò Donna (Responsabile ufficio studi, iniziative speciali e responsabilità sociale d´impresa della Figc), il Gabinetto di Antonio Tajani (Presidente del Parlamento europeo) e il Gabinetto di Tibor Navracsics (Commissario europeo per sport-cultura-giovani-educazione e responsabile dello European institute of technology/Eit), a conferma dell’interesse delle istituzioni europee nei confronti dell’evento.

 

Proprio nella scorsa settimana era stata annunciata la partnership tra Hackathon Figc e Eit Digital, oltre al sostegno del Presidente del Parlamento europeo e gli Alti patrocini di Parlamento europeo e di Commissione europea, che si sono aggiunti ai Patrocini di Luca Lotti, Ministro dello sport, e del Presidente Coni Giovanni Malagó.
 
L´evento è stato un momento chiave per discutere e esplorare potenziali sinergie tra sport, cultura, gioventù, università e grandi leader industriali e sportivi – inclusi Infront, Fesi (Federation of european sporting good industry) e FacilityLive (la gigante tech start-up italiana).

 

La presentazione svolta a Bruxelles è stata un'occasione per internazionalizzazione il Sistema Italia, dimostrata inoltre dalla partecipazione informale in platea di Fabrizio di Clemente (Direttore dell´Istituto commercio estero a Bruxelles), di Kole Gjeloshaj (Federazione internazionale sport universitari), da molti funzionari della Commissione europea e dalla presenza delle Regioni Toscana-Lombardia-Umbria. "Un workshop informale e di prospettiva – ha commentato Niccoló Donna – che conferma la volontà della Fic di internazionalizzare le idee e di fare squadra".

L´evento è avvenuto nel corso di un momento cruciale di sviluppo dell´Unione europea, che ha implementato il programma 'Erasmus+' e ha articolato il nuovo programma multi-annuale dello sport.
 
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 19:30

Il presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti ha fatto il punto sulla situazione dei vaccini in Trentino. "Il programmo lo facciamo sulla base delle dosi consegnate. Con queste e quelle che si prevedono, nei primi 10 giorni di aprile dovremmo aver finito con gli over80"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato