Contenuto sponsorizzato

Anche la Roma e il parlamento europeo sostengono il primo hackathon del calcio italiano targato Università di Trento

Le due sfide nelle quali i partecipanti si impegneranno saranno, rispettivamente, il 'match analysis' e la 'Comunità dei tesserati'. Tajani: "Le e-skills e l'educazione digitale possono essere eccezionalmente importanti nell´affrontare la crescente disoccupazione, soprattutto tra le giovani generazioni"

Di Luca Andreazza - 14 luglio 2017 - 19:55

TRENTO. Prende quota il primo 'hackathon del calcio italiano', l'iniziativa ideata dall'Università di Trento e subito abbracciata dalla Federazione italiana. La maratona dell'innovazione è in programma nel capoluogo per il 14 e 15 ottobre, ma inizia a coinvolgere anche società e figure di primissimo piano nel mondo calcistico (Qui articolo del progetto).

 

La Roma, che termina domani il ritiro a Pinzolo, è tra i partner di questa iniziativa, che vede anche gli inviti recapitati a Aleksander Čeferin e Gianni Infantino, rispettivamente presidente di Uefa e Fifa. I massimi organi di governo del calcio hanno accolto con interesse l'invito che intendono rivolgere anche a tutti i presidenti delle federazioni europee. 

 

Questa iniziativa è una maratona di 24-48 ore per virtuosi 'hacker' del computer, un evento residenziale dove partecipano a vario titolo innovatori, potenziali imprenditori, esperti e appassionati di tecnologie, software e ricerca applicata: l’obiettivo è quello di definire progetti di business, prototipi di soluzioni tecnologiche e applicazioni software specificamente legati al tema portante della manifestazione (Qui info).

 

"Lo sviluppo dell’hackathon – conferma Michele Uva, direttore generale della Figc – è solo l’ultimo progetto di un più ampio piano strategico della nostra Federazione finalizzato a dare un forte impulso allo sviluppo di nuove piattaforme informatiche, digitali e tecnologiche per aumentare efficienza e operatività delle strutture federali, incrementare servizi e prodotti a favore dei tesserati con particolare attenzione alle attività del Settore Giovanile e Scolastico e quella delle Nazionali”.

 

Le due sfide nelle quali i partecipanti si impegneranno saranno, rispettivamente, il 'match analysis' (l´analisi statistico-quantitativa delle partite di calcio) e la 'Comunità dei tesserati' (una sfida manageriale-organizzativa che lega la FIGC ai 1.300.000 tesserati).

 

Il trentino e coordinatore istituzionale per Figc Francesco Anesi, nel corso del ritiro della Roma e in onda sulla televisione tematica a tinte giallorosse, ha delineato il progetto che vede, in parallelo all´hackathon, una serie di eventi pubblici, ma anche conferenze e dibattiti.


“Vogliamo entrare in dialogo con la comunità del calcio in Italia e cavalcare l´onda dell´innovazione e delle nuove tecnologie – dice Francesco Anesi – . Il nostro progetto si indirizza in primo luogo agli appassionati di calcio, agli appassionati di numeri e agli appassionati di computer, ma in generale ai giovani ed agli innovatori. Cerchiamo nuove idee per il calcio moderno in una logica sia manageriale che di valori e siamo pronti alla sfida".

 

Gli organizzatori dell´Hackathon hanno inoltre ricevuto il Patrocinio della commissione europea tramite Tibor Navracsics (Commissario europeo per educazione, cultura, gioventù e sport), il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, ministro per lo sport Luca Lotti e il presidente Giovanni Malagò.

 

"Si tratta di un esperimento per la Figc e per il calcio - aggiunge Anesi - ma anche per la Comunità dell´innovazione, che vuole dimostrare quanto potenziale possa esistere ad unire calcio e nuove tecnologie”.

 

Obiettivi condivisi anche a livello europeo: "Il calcio è tra gli sport più popolari in Europa - commenta Tajani - i partecipanti non solo impareranno, cresceranno, creeranno e collaboreranno, ma disegneranno soluzioni pratiche per applicazioni all'interno del loro campo di interesse, il calcio. L´innovazione è nel cuore di molte politiche dell´Unione europea, come quelle per il lavoro, la competitività, l´ambiente, l´industria e l´energia".

 

Sport che si unisce alle imprese sviluppando una relazione tra scienza, ricerca, innovazione, industria, sviluppo sostenibile e società: "Le discipline sono tra loro interconnesse. L'importanza dello sport è riconosciuta - conclude Tajani - per un ruolo crescente nelle economie europee, nella creazione di posti di lavoro e nel rafforzare la competitività generale delle imprese. Inoltre la nostra istituzione sostiene una robusta e avanzata politica Ict essenziale per tutti i settori economici. Le e-skills e l'educazione digitale possono essere eccezionalmente importanti nell´affrontare la crescente disoccupazione, soprattutto tra le giovani generazioni”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 05:01

Un’operatrice di Rsa ha contratto il coronavirus nonostante fosse già stata sottoposta alla seconda dose di vaccino a fine gennaio, ecco perché può accadere ma allo stesso tempo è importante parlarne. Ferro: “Siamo a conoscenza del caso e lo stiamo seguendo, non è la prima volta che succede e si tratta di una situazione attesa nel senso che il vaccino ha un’efficacia del 95%”

26 febbraio - 06:07

Il capogruppo delle Stelle alpine nell'attuale legislatura a trazione centrodestra in Consiglio provinciale cambia partito. Lascia dopo un impegno nel Patt iniziato nel 1999, poi ha scalato le gerarchie della forza politica fino a diventare assessore nel 2008. Nel 2013 l'elezione a governatore in piazza Dante 

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato