Contenuto sponsorizzato

Giornata della Pace dedicata a migranti e rifugiati, fiaccolata il 1° gennaio. Ospite della Diocesi il vescovo Tomasi

Si rinnova l’evento di riflessione e preghiera promosso dalla Commissione Pastorale Sociale, Giustizia e Pace, Custodia del Creato. L’appuntamento è alle ore 15.30 nella chiesa del S. Cuore di v.le Verona. Nel tardo pomeriggio la fiaccolata in centro

Pubblicato il - 28 dicembre 2017 - 11:53

TRENTO. Per la 51ª Giornata Mondiale della Pace, che come sempre si celebra il primo gennaio, papa Francesco ha scelto un tema preciso: “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace”. A Trento ci sarà la consueta fiaccolata che sfilerà per le vie del centro storico e si concluderà nella cattedrale.

 

 “Voglio ancora una volta ricordare –  sottolinea Bergoglio nel suo messaggio –  gli oltre 250 milioni di migranti nel mondo, dei quali 22 milioni e mezzo sono rifugiati”. Uno spunto per la riflessione che sarà usato anche dalla Diocesi trentina nei momenti di riflessione e di preghiera previsti durante la giornata.

 

Nella Giornata della Pace, infatti, a Trento si rinnova l’evento di riflessione e preghiera promosso dalla Commissione Pastorale Sociale, Giustizia e Pace, Custodia del Creato. L’appuntamento è alle ore 15.30 nella chiesa del S. Cuore di v.le Verona (ogni anno una parrocchia diversa) per ascoltare la testimonianza del vescovo Silvano Tomasi.

 

Il presule trevigiano, 77 anni,  attuale segretario delegato del Dicastero Pontificio per la Promozione dello Sviluppo Umano Integrale, grande esperto sul tema delle migrazioni e della mediazione di pace tra nazioni in guerra, è l'ospite d'eccezione.

 

Fino al febbraio 2016 è stato osservatore permanente della Santa Sede presso l’ufficio dell’Onu a Ginevra e presso l’Organizzazione Mondiale del Commercio. Ha vissuto i primi anni della sua vita a New York, dove si è formato come sacerdote e docente di teologia.

 

Tra le altre cose ha diretto il Centro Studi sull’Immigrazione di New York e l’Ufficio per la Cura Pastorale degli Immigrati e Rifugiati della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti. Ѐ stato segretario del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, e quindi Nunzio Apostolico in Etiopia, Eritrea e Gibuti e osservatore presso l'Unione africana.

 

Alle ore 16.45 partirà quindi la fiaccolata fino alla cattedrale, dove alle ore 17.30 è in programma la veglia di preghiera per la pace presieduta dall’arcivescovo Lauro, animata dal Minicoro di Rovereto. Le offerte raccolte in Duomo saranno interamente devolute alle opere segnalate dal vescovo Tomasi.

 

Oltre alla sfida dei migranti, la Chiesa trentina invita, nella Giornata della Pace 2018, a ricordare anche i 100 anni della fine della Prima Guerra Mondiale e a vivere tale anniversario come appello incondizionato alla pace e alla nonviolenza.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 17:29

Numeri che comunque preoccupano, il Trentino peggior territorio d'Italia nell'ultimo report dell'Iss. Nel pomeriggio in Provincia, i rappresentanti della Giunta hanno convocato la task force per un ulteriore aggiornamento sulle strategie diagnostiche e sulla situazione Covid nelle scuole

28 settembre - 18:27

Il 70enne Peter Hell è morto schiacciato da un trattore ribaltatosi in una curva sulla strada per Monticolo. Vani i tentativi di salvarlo, con l'elicottero Pelikan 2 che aveva preso il volo da Bolzano. Le ferite erano troppo gravi

28 settembre - 16:22

Per iniziativa dell'associazione culturale Südtiroler Heimatbund, Trento e l'Alto Adige ospiteranno nelle prossime settimane una campagna di manifesti contro "un'ingiustizia durata 100 anni". Il 10 ottobre 1920, infatti, il territorio a sud del Brennero veniva ufficialmente annesso al Regno d'Italia, senza che la popolazione venisse interrogata. Lo storico Delle Donne: "I principi vanno applicati a seconda del contesto storico. In Trentino l'appoggio a queste iniziative nasce dalla paura di non saper giustificare la propria autonomia"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato