Contenuto sponsorizzato

I volti dell’umanità migrante fuori dalla Curia di Trento. Don Bettega: “Una provocazione a pensare ad altri diversi da noi”

Tanti scatti che raccontano un mondo a colori e ricco di diversità. Così, attraverso una carrellata d’immagini, la Diocesi di Trento ha deciso di festeggiare la 106esima Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato di domenica 27 settembre

Di Marianna Malpaga - 25 settembre 2020 - 18:26

TRENTO. Tanti scatti che raccontano un mondo a colori e ricco di diversità. Così - attraverso una carrellata d’immagini - la Diocesi di Trento ha deciso di festeggiare la 106esima Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato di domenica 27 settembre, nell’impossibilità di organizzare le grandi manifestazioni che gli anni scorsi caratterizzavano questo giorno, prima fra tutti la Festa dei Popoli.

 

Le foto - dei ritratti dell’”umanità migrante” realizzati dai fotografi Diego Dalmonech e Gianni Zotta in occasione delle Feste dei Popoli - sono state esposte sulla facciata della Curia in piazza Fiera proprio stamattina, e lì vi rimarranno fino al 4 ottobre. L’esposizione è in sintonia con la Settimana dell’Accoglienza (che inizierà domani 26 settembre e terminerà il 3 ottobre) e richiama l’attenzione sulle persone migranti e sulle sfide che le migrazioni pongono.

 

La migrazione è un tratto trasversale alla storia dell’umanità, come suggerisce il tema scelto da Papa Francesco per il suo messaggio annuale in occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato: “Come Gesù Cristo, costretti a fuggire”.

 

Per la 106sima Giornata, Papa Francesco ha scelto di concentrarsi in particolare sugli sfollati interni. “Forse non tutti lo sanno – spiega don Cristiano Bettega, delegato dell’Area Testimonianza e Impegno sociale della Diocesi – ma gli sfollati interni sono tantissimi: sono coloro che si spostano per guerre, carestie e catastrofi ambientali all’interno del proprio Paese”.


L’iniziativa vuole invitare le persone a non essere indifferenti, a soffermarsi sui volti affissi alle pareti della Curia - soprattutto in questo preciso momento storico. “La Giornata di quest’anno arriva in un momento, come quello della pandemia e delle fasi successive a essa, in cui siamo tutti concentrati sul nostro mondo”, considera don Bettega. “Una provocazione ulteriore per pensare ad altri diversi da noi, per quanto spesso ormai ben inseriti nelle nostre comunità”, aggiunge.

 

I ritratti sono intervallati da alcuni stralci del discorso di Papa Francesco per la Giornata. “È bene ricordarsi ogni anno – conclude Roberto Calzà, referente diocesano per la pastorale delle migrazioni – che tutti siamo migranti su questa terra. Questo, nel concreto, significa permettere a rifugiati e migranti di partecipare pienamente alla vita della società che li accoglie, in una dinamica di arricchimento reciproco e di feconda collaborazione nella promozione dello sviluppo umano integrale delle comunità locali”.


Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 aprile - 06:01
Il presidente della Commissione rifugi della Sat, Sandro Magnoni, spiega che i gestori delle strutture sono pronti a riaprire con le regole dello [...]
Cronaca
10 aprile - 19:49
Trovati 107 positivi, comunicati 2 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 274 guarigioni. Sono 1.800 i casi attivi sul territorio [...]
Cronaca
10 aprile - 20:52
Un 49enne è stato trasferito in elicottero all'ospedale Santa Chiara di Trento. I carabinieri sono riusciti a rintracciare il conducente. In corso [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato