Contenuto sponsorizzato

A piedi per 130 chilometri da Bologna a Firenze: il diritto dell'ambiente all'Università di Trento si insegna anche così

Si è concluso venerdì il viaggio lungo la ''Via degli Dei'' per dodici studenti. Un percorso di studio unico che vale due crediti formativi organizzato dal professor Lugaresi: ''Abbiamo attraversato boschi, sentieri, montagne, paesi e visto da vicino luoghi come quelli interessati da Alta velocità e nuove autostrade''. Il racconto

Il gruppo di studenti e il professor Lugaresi (al centro). Foto di Davide Tessari
Di Luca Pianesi - 17 settembre 2018 - 19:25

TRENTO. "Qualche vescica ai piedi, un ginocchio malandato, ma il corso si è concluso in maniera molto positiva e, per il secondo anno consecutivo, le ragazze e i ragazzi presenti li ho visti molto coinvolti e soddisfatti''. A parlare non è un allenatore di qualche disciplina sportiva o un istruttore alpino ma il professore di diritto dell'ambiente della facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Trento, Nicola Lugaresi. Il suo corso, infatti, è qualcosa di unico, di diverso da tutti gli altri, nei modi e nella sostanza: 130 chilometri a piedi da Bologna a Firenze in cinque giorni e mezzo, con dislivelli quotidiani, in media, di 1000 metri tra salite e discese e durante il viaggio, via di discussioni e dibattiti sul diritto dell'ambiente, sullo sviluppo sostenibile, sul rispetto della natura e l'antropizzazione.

 

Un corso universitario in piena regola che vale 2 crediti formativi e che si chiama ''Sostenibilità in cammino'', giunto alla seconda edizione dopo il progetto pilota dell'anno scorso (iniziativa e metodo di studio presentato, poi, dal professore e da tre studenti che avevano partecipato anche a una conferenza internazionale della Iucn, l'Unione internazionale per la conservazione della natura).

 

''Siamo partiti il 9 settembre e abbiamo concluso il 14 la camminata - spiega Lugaresi fresco di rientro a Trento - ed anche quest'anno eravamo in tredici, io più dodici studenti. La prima edizione undici di loro erano ragazze, quest'anno la situazione si è un po' riequilibrata con otto femmine e quattro maschi". E la camminata ha seguito, ancora una volta, la Via degli Dei che attraversa gli Appennini tra monti e colline, boschi e prati, paesi e campi e passa anche in zone critiche, quelle dove sono state realizzate Alta velocità e Autostrade.

 

La "via degli Dei" percorsa dagli studenti dell'Università di Trento

''Siamo passati sopra le gallerie e abbiamo toccato con mano i fiumi e le sorgenti prosciugate per quei lavori - racconta ancora Lugaresi - abbiamo visto come la natura è stata antropizzata e abbiamo discusso sull'opportunità o meno che si realizzassero certe opere. Un discorso molto complesso perché è vero che sono spariti quegli specchi d'acqua ma oggi in 35 minuti tutti possono raggiungere Firenze da Bologna in treno e viceversa, la variante della A1 è più sicura e più veloce di prima e quindi tutta la comunità ne ha guadagnato. Insomma si parla di bilanciamenti di interessi, diritti e doveri, rapporto natura-uomo".

 

Il percorso era diviso in sei tappe (una per giornata di viaggio) e ogni tappa era ''guidata'' da due studenti che avevano studiato il libro ''la Via degli Dei'' e quindi dovevano aiutare gli altri ragazzi a capire dove si trovassero e che luoghi stavano attraversando. ''E abbiamo incontrato sul percorso Cesare Agostini - completa Lugaresi - una persona con più di 80 anni che da archeologo dilettante ha scoperto la via Flaminia Militare che si incrocia con la via degli Dei. Un bell'incontro per i ragazzi che alla fine, nonostante qualche grossa vescica ai piedi e un problema a un ginocchio, hanno tutti terminato il viaggio e concluderanno l'esperienza tra qualche giorno, quando ci rincontreremo per discutere e confrontarci su quanto accaduto''. 

 

Un cambio di prospettiva e di approccio allo studio che ha guadagnato le pagine dei più importanti quotidiani nazionali. Un'esperienza a tutto tondo, all'aperto, a contatto con il gruppo e immersi nella natura "consci del fatto (sottolinea anche il professor Lugaresi sulla sua pagina internet) che ...clip".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 15:37

L’ultimo esemplare radiocollarato è una femmina, ribattezzata “Cimbra”, con la sua cattura sarà possibile acquisire dati che serviranno a evitare le predazioni sugli animali domestici. Gli esperti: “Se si vogliono trovare soluzioni ci si deve attenere ai fatti evitando il sensazionalismo. Progetto replicabile? Sì, in tutto l’arco alpino, anche nei confronti degli orsi”

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 13:30

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato