Contenuto sponsorizzato

Apre Tiger, un centinaio di giovani in coda all'ingresso

Lunga fila per l'apertura del negozio della nota catena. Quello di via Manci è il primo punto vendita in regione

Di Martin Fedrizzi, Alessandro Betti (Liceo Prati) - 20 giugno 2018 - 16:25

TRENTO. Lunga coda in via Manci per l'inaugurazione di Tiger, nota catena di negozi di oggetti per casa e ufficio.

 

Sono un centinaio le persone che nel primo pomeriggio di oggi  per oltre un'ora hanno atteso l'apertura del primo punto vendita in regione. La catena danese del design low cost sbarca a Trento, rimpiazzando il Centro moda Demattè, trasferitosi in Via San Pietro. Saranno 9 i dipendenti che si occuperanno della gestione del negozio, che sfrutta uno spazio ampio oltre 220 metri quadrati. 

Accolto con entusiasmo l'arrivo, quindi, in città di uno dei marchi più iconici e amati dai giovani, che si sono riversati davanti all'ingresso nella speranza ad essere i primi fortunati clienti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 05:01

Il rischio è che tante persone che in questi mesi hanno trovato un riparo durante la notte grazie ai posti messi a disposizione dal Comune all'Ostello della Gioventù finiscano nuovamente a dormire in strada. Questa sera sarà l'ultima notte anche per gli spazi aperti nella Chiesa di Centochiavi ma potranno essere riattivati

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato