Contenuto sponsorizzato

Assicurazioni per smartphone, è boom per proteggersi da furti e cadute, uso fraudolento della Sim e l'acqua sul display

L’aumento esponenziale dei costi è causato principalmente da alcuni fattori come l’affermazione degli smartphone come strumenti indispensabile per la vita di tutti i giorni, le sofisticate tecnologie e i design sempre più accattivanti. Crescono così anche il ricorso alle assicurazioni

Pubblicato il - 21 marzo 2018 - 12:19

TRENTO. Ormai gli smartphone sono entrati nella vita quotidiana, non più un semplice oggetto, bensì un vero e proprio status symbol, tanto che alcuni devices hanno raggiunto costi esorbitanti.

 

L’aumento esponenziale dei costi è causato principalmente da alcuni fattori scatenanti come l’affermazione degli smartphone come strumenti indispensabile per la vita di tutti i giorni, le sofisticate tecnologie e i design sempre più accattivanti.

 

Data l’importanza e la fragilità di questi oggetti, sempre più consumatori ritengono necessario effettuare un’assicurazione smartphone.

 

I cellulari, infatti, possono cadere, rompersi, essere rubati o essere smarriti, proprio per questo motivo sempre più consumatori sottoscrivono un’assicurazione che protegge lo smartphone contro possibili danni accidentali, i furti e persino dall’utilizzo fraudolento della Sim. Sì, anche l’utilizzo fraudolento della carta Sim è un fenomeno che sta prendendo sempre più piede, con indicenti cause soprattutto per i possessori di telefoni aziendali.

 

Negli ultimi anni anche in Trentino questo fenomeno ha visto un incremento; segno dell’importanza del cellulare all’interno delle nostre vite quotidiane, che condiziona sempre più le necessità e i bisogni collegati allo stesso.

 

Le statistiche confermano questo dato, infatti, gli smartphone sono in assoluto la categoria più assicurata, superando anche le biciclette: i cellulari rappresentano in Italia il 68% del totale degli oggetti assicurati, con un dato in crescita del +117% rispetto all'anno scorso.

 

Quali sono le motivazioni e quali i danni copre realmente un'assicurazione? Sicuramente la scelta di un’assicurazione per lo smartphone dovrebbe tener contro delle caratteristiche e coperture della polizza. Copertura in caso di furti e danni accidentali, sono le prime caratteristiche da prendere in considerazione, insieme alla possibilità di un rimborso per l’acquisto del nuovo cellulare.

 

Inoltre non sono da sottovalutare le riparazioni, sostituzioni e i mal funzionamenti dell’apparecchio. La scelta dovrà quindi ricadere sulle polizze che saranno in grado di assicurarvi reali coperture e garanzie, in grado di ridurrei disagi causati da incidenti involontari, furto, ecc.

 

Ecco spiegati i motivi principali che sempre più spingono anche i trentini a stipulare delle assicurazioni a copertura del proprio fidato smartphone. Sappiamo tutti bene quanto sia prezioso ed indispensabile, e soprattutto quante informazioni oggi uno smartphone contiene su di noi e le nostre vite. Sicuramente l’idea di stipulare un’assicurazione smartphone risulta quasi indispensabile.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 13:32

Il presidente della Provincia, assieme agli altri rappresentanti regionali leghisti, ha fatto da apripista del Capitano e ha cercato di sfoderare tre provvedimenti ''immagine'' adottati in Trentino nel primo anno di governo. Sul bonus bebè ha ricordato orgoglioso che ''non vale per tutte le famiglie'' (sia mai che si faccia una cosa per tutta la comunità) ma ha finito per esagerare sui ''limiti''

19 gennaio - 12:21

Erano all’incirca le 6e45 di mattina quando un furgoncino, parcheggiato in un garage, ha preso fuoco. Per diradare la coltre di fumo che aveva invaso il piano interrato i pompieri hanno utilizzato dei potenti ventilatori 

17 gennaio - 19:46

L’associazione cacciatori nel mirino di Filippo Degasperi: “Com’è possibile che l’ex direttore dell’Ufficio faunistico della Pat ricopra il ruolo direttore generale dell’Associazione Cacciatori Trentini, mentre si trova ancora in aspettativa?”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato