Contenuto sponsorizzato

Cinque palazzine per una strada che ha già problemi di traffico. La soluzione? Per il Patt è un semaforo

Fa discutere la situazione di via Masetto a Riva del Garda. La strada è giù molto stretta. Bisognerebbe poi allargare il ponticello

Di Tiziano Grottolo - 26 agosto 2018 - 17:51

RIVA DEL GARDA. Lungo la stretta strada di via Masetto un tempo vi sorgeva lo storico locale della “Spaghetti Haus” ma nel giro di pochi mesi saranno ultimate, dalla ‘Cosmi Costruzioni’, cinque palazzine per un totale di circa cinquanta nuovi appartamenti. Due consiglieri di maggioranza del Patt sono intervenuti sulle questione dal momento che su quella via, dove il traffico è già di per sé difficoltoso, potrebbero venire a crearsi gravi problemi legati a sicurezza e viabilità.

 

“Nella zona di via Masetto – spiega Mirella Serafini del Patt – il prossimo anno ci sarà un notevole aumento del traffico veicolare perché verranno ultimate le cinque nuove palazzine in costruzione sull’area ex-Spaghetti Haus”. Serafini era già intervenuta più volte per cercare di trovare una soluzione alla viabilità della zona. Una delle soluzione prese in considerazione dall’amministrazione rivana, prevede la realizzazione di un sottopasso che collegherebbe l’attuale via Masetto con la Strada Provinciale 118 di San Giorgio ma anche questa soluzione secondo Serafini e Martini non funzionerà: “Al di là delle considerazioni di carattere tecnico va considerato che l’opera non sembra attuabile per il costo proibitivo previsto di ben 3,5 milioni di euro”.

 

Dal momento che quel tratto di strada non può essere allargato, per via di alcune costruzioni già esistenti, i due consiglieri suggeriscono di installare un semaforo che sia in funzione giorno e notte in modo da trasformare il tratto di strada in un senso unico alternato. A completamento dell’intervento propongono anche che l’ultimo tratto di strada, dove peraltro è presente un piccolo ponte, venga allargato. “Non sarebbe né giusto né opportuno – concludono – attendere ancora altro tempo per trovarsi poi a fronteggiare un’emergenza non più sostenibile”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica dal titolo ''Ruoli''. E proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento di rinunciare ai Mercatini scrivendo ''portae inferi non praevalebunt'' e che spiega di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan, essere il braccio destro del numero uno alla cultura e all'istruzione?

01 dicembre - 11:30

Sono 283 i contagi identificati a fronte di 3.428 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta all'8,3%. Un dato che si divide tra i 94 positivi ai 1.185 tamponi molecolari (7,93%) e i 189 casi con 2.243 test antigenici (8,43%)

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato