Contenuto sponsorizzato

Dal Trentino il progetto per migliorare la vita in Tanzania: un fornetto "speciale" per salvaguardare l'ambiente

MUSE e Dolomiti Energia, assieme, per migliorare la vita in Tanzania di tantissime persone evitando fumi tossici e inquinanti

Di Gianmarco Fontana - Istituto Ivo de Carneri - 05 febbraio 2018 - 12:59

TRENTO. Da Trento fino in Tanzania per aiutare l’Africa. Come? Donando piccoli, ma efficaci “fornelli” in grado di cucinare del cibo ma anche scaldare le persone e aiutarle nella piccole cose di tutti i giorni.

 

Si chiama “TanzaMia. Il Fornello migliore funziona con il cuore” il progetto intrapreso da una partnership tra il Muse di Trento e Dolomiti Energia che hanno deciso di collaborare assieme per migliorare la vita quotidiana delle persone e l’ambiente, che le circonda.

 

Il progetto è molto semplice. I cittadini che decidono di aderire a Dolomiti Energia, possono prendere parte ad un progetto attraverso il quale una parte dei soldi già previsti in bolletta vengono donati direttamente per costruire dei fornelli/stufe per la popolazione della Tanzania.

 

“Il progetto – ci ha spiegato l'ideatrice Silvia Ricci - è nato da ormai qualche anno per aiutare le popolazioni dell’Africa. È un modo non solo per trasferire energia concreta, ma anche energia positiva per i meno fortunati. Sono fornelli semplici, ma efficaci, che funzionano per scaldare l’ambiente e cucinare. Evitando fumi tossici e quindi l'inquinamento.”

 

Ad oggi il 98% della popolazione rurale in Tanzania usa ancora la legna da ardere e il carbone come fonti primarie di energia. Questo sfruttamento porta a un forte degrado ambientale e a un pericoloso impatto sulla salute di donne e bambini che ogni giorno sono esposti a fumi domestici nocivi derivanti dalla combustione di legna e carbone.

Il porgetto “TanzaMia”, sostenuto dall’associazione Mazingira, con il Muse e Dolomiti Energia, vuole quindi diffondere l'utilizzo di tencnologie energetiche efficienti e salubri: forni a terra cruda, fornelletti in lamiera alimentati con pula di riso, briquettes, cesti e borse coibentati.

“Ci serviva qualcuno accanto che avvicinasse ai cittadini – ha spiegato l'ideatrice – e la partnership con Dolomiti Energia l'abbiamo ritenuta un'ottima strada per sensibilizzare le persone. Questo progetto non è stato fatto solo per far del bene all’ambiente laggiù, ma anche alle stesse persone che contribuiscono”. Un piccolo gesto, insomma, che può scaldare la casa di migliaia di persone e il cuore del singolo utente oltre a fare del bene iall’Africa intera, che detiene un fascino ed una natura meravigliosa.

Il Progetto TanzaMia punta sulla tecnologia dei fornelletti in lamiera, MAYON TURBO STOVE (MTS), i cui vantaggi sono:

  • L’economicità: I combustibili usati per MTS sono spesso gratuiti. L'acquisto del fornelletto è di circa € 25, rispetto a € 45-150 per la cottura con legna da ardere o carbone.
  • L’alta efficienza e combustione pulita: facile da accendere, combustione pulita e cuoce rapidamente.
  • La Bollitura veloce: 1 litro di acqua può bollire in 6-7 minuti.
  • La Salute: MTS può essere utilizzato all'aperto e, se correttamente utilizzato, è privo di fumo e non causa malattie legate al fumo.
  • A basso impatto ambientale: utilizzando biocarburanti alternativi e sottoprodotti agricoli, MTS riduce i cambiamenti climatici, l'inquinamento domestico delle famiglie, il degrado ambientale e la deforestazione.
  • Comodo da usare: basta battere con uno stecco per alimentare la fiamma circa ogni 7-10 minuti.
  • Basso consumo di carburante: Circa 2,5 sacchi (25 kg) di riso / famiglia / settimana, la stufa consuma circa 1,2 - 1,5 kg di pula di riso all'ora.
  • Utilizza una varietà di biocarburanti: molti combustibili gratuiti possono essere utilizzati in combinazione con la pula di riso, tra cui le bucce di granturco, arachidi, i gusci di cacao, di noce di cocco e la segatura.
  • Sicurezza: una struttura forte ad anelli assicura la stabilità ottimale della pentola.
  • Portatile e leggero: costruzione in acciaio, di peso di circa 4 kg; può essere utilizzato sia all'interno che all'aperto.
  • Altri vantaggi: le ceneri possono essere utilizzate come fertilizzanti del terreno, materiali di pulizia per pentole e padelle e repellenti per insetti attorno alla base delle piante, MTS riduce il carico di legna da ardere sulle donne.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 18:34

Preoccupatissima la categoria per le conseguenze devastanti che si annunciano per il sistema agricolo provinciale. Tra le richieste che si valuti la possibilità di riconoscere sgravi contributivi e indennizzi alle aziende frutticole che hanno subito danni rilevanti tali da compromettere redditività e sopravvivenza, nonché si attino specifici contributi, come quelli già previsti per l’acquisto di reti anti insetto

18 settembre - 17:21

Mal sopportato da tempo l'ex sindaco di Firenze ha messo in sicurezza il partito (portandolo di nuovo al governo), ha atteso si formasse il governo (per non ridurre tutto a una questione ministeri e segretariati) e ha fatto quello che praticamente tutti, prima di lui, hanno fatto nel Pd: lasciarlo. La senatrice trentina: ''E una casa autenticamente europeista, popolare e liberale''

18 settembre - 17:17

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 lungo la strada statale 240 all'altezza di un incrocio poco prima dell'abitato di Bezzecca. Il ferito elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato