Contenuto sponsorizzato

Il rito della spremitura lancia DiVinNosiola tra trekking al chiaro di luna e l'Eco Running

L'evento organizzato dall'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi entra nel vivo. Un ricco programma fino al 22 aprile e il punto di riferimento della kermesse è la Mostra a Palazzo Roccabruna

Pubblicato il - 26 marzo 2018 - 12:46

TRENTO. La kermesse DiVinNosiola dell'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi entra nel vivo dopo il rito della spremitura. Una tradizione lunga cinquecento anni legata alla coltivazione delle uve Nosiola in Valle dei Laghi, un filo rosso che mostra la linea di continuità nelle pratiche agricole e che unisce le generazioni che si dedicano a questa nobile attività.

 

Quello della Spremitura delle uve appassite, che si è svolto questo pomeriggio all'Azienda Agricola Fratelli Pisoni di Pergolese, ha il compito di dare il via alla produzione di Trentino Doc Vino Santo, ma anche di celebrare l'orgoglio dei produttori che si impegnano in questo settore di nicchia e autentiche 'bandiere' del territorio.

Alla cerimonia, inserita nell'ampio programma della nona edizione di DiVinNosiola, hanno preso parte circa trecento persone, una vera e propria folla di curiosi e appassionati, una parte delle quali avevano partecipato al trekking pomeridiano tra i vigneti.

 

Il prossimo appuntamento è una romantica camminata al costo di 15 euro al chiaro di luna con accompagnamento musicale, in programma per sabato 31 marzo dalle 20.30, con partenza dalla stessa azienda agricola.

 

Anche in questo caso si percorreranno due chilometri in due ore, ma il cammino sarà accompagnato dalle note che ogni partecipante sentirà nelle proprie cuffie, un'esperienza suggestiva, arricchita da degustazioni di Vino Santo e di vino Mesum, ricavato dal vigneto storico dei Fratelli Pisoni (Qui info e prenotazioni).

 

La manifestazione DiVinNosiola è ormai l'evento di punta della Valle dei Laghi, una kermesse enogastronomica dedicata al patrimonio culturale e naturale della valle, caratterizzata da una serie di appuntamenti unici e esclusivi per celebrare cultura, tradizioni e luoghi da cui nascono le eccellenze enologiche del Trentino, apprezzate in tutto il mondo.

 

La formula vincente che sta alla base del grande successo di pubblico di DiVinNosiola è proprio la varietà dell'offerta dei singoli appuntamenti proposti (trekking, degustazioni, rito della spremitura, mostra, spettacoli, eventi ludico-sportivi, momenti di intrattenimento) legati tra loro da un unico filo conduttore, espressione diretta delle radici di un territorio.

Una kermesse che si svolge fino al 22 aprile in diverse località della Valle dei Laghi, così come del capoluogo. Il fulcro della manifestazione ruota in particolare intorno alla Mostra di DiVinNosiola a Palazzo Roccabruna, dedicata come ogni anno al prestigioso vitigno autoctono della Valle dei Laghi, il vino Nosiola Trentino, e ai suoi derivati: il Trentino Doc Vino Santo, le grappe di Nosiola e di vinaccia di Trentino Doc Vino Santo.

 

Dal 13 al 22 aprile la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino organizza inoltre 'A Tutto Nosiola', un'iniziativa caratterizzata da degustazioni, menù abbinati al Vino Nosiola, aperitivi e varie iniziative in cantine, ristoranti e tante altre suggestive location del Trentino (Qui info e programma completo). 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

18 gennaio - 19:13

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 14 decessi di cui 9 in ospedale

18 gennaio - 17:39

Le Stelle alpine prendono in considerazione l'ultima analisi di Bassi, il quale ha esaminato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss. La lettera del segretario politico del Patt: "Il governo della Provincia è in qualche modo responsabile del ritardo nella comunicazione dei dati a Roma? E se così non fosse cosa intende fare, presidente Fugatti, per correre ai ripari e ripristinare la verità?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato