Contenuto sponsorizzato

L'Aquila di San Venceslao a Valerio Costa, fondatore delle prime comunità terapeutiche in Trentino

La cerimonia si è svolta nella sede della Comunità di Camparta a Vigo Meano. L'alta onorificenza “per il ruolo di rilievo che ha avuto nella cura e nel recupero delle persone affette da dipendenza da sostanze"

Pubblicato il - 08 settembre 2018 - 17:31

TRENTO. "La mia prima uscita istituzionale da assessore, qualche anno fa, è stata alla comunità terapeutica di Camparta. Oggi con grandissimo onore - scrive Luca Zeni sul suo profilo Facebook - sono tornato lì per consegnare a nome della Provincia autonoma di Trento l'Aquila di San Venceslao a Valerio Costa, pioniere della lotta alle dipendenze in Trentino. Un uomo capace di farsi promotore di un profondo cambiamento culturale nei confronti del problema delle tossicodipendenze".

 

Decisamente un pioniere della lotta alle tossicodipendenze in Trentino ed esperto di disagio giovanile, Valerio Costa è stato insignito del sigillo dell’Aquila di San Venceslao, la più alta onorificenza provinciale. La cerimonia si è svolta questo pomeriggio nella sede della Comunità terapeutica di Camparta a Vigo Meano. Valerio Costa è stato insignito – recita la pergamena consegnata dall'assessore – “per il ruolo di rilievo che ha avuto nella cura e nel recupero delle persone affette da dipendenza da sostanze, rendendo così un importante e prezioso servizio a favore della Provincia autonoma di Trento e della cittadinanza trentina”

 

Nel consegnare il sigillo e la pergamena, è stata ricordata la grande sensibilità sociale, l’impegno e la lungimiranza di Valerio Costa, doti che l’hanno contraddistinto nei suoi quasi 50 anni di lavoro nell'ambito delle dipendenze, permettendogli di accogliere le sofferenze e donare la speranza di un futuro. A nome dell’amministrazione provinciale l’assessore ha ringraziato Costa per la capacità di farsi promotore di un cambiamento culturale nei confronti del problema delle dipendenze. Un pensiero infine allo spirito della comunità terapeutica di Camparta, dove non vengono “presi in carico dei malati” ma “si interagisce con delle persone uniche e irripetibili, anche nella loro fragilità”.

 

Valerio Costa, fino al 2017 direttore del Centro antidroga di Trento e delle sue comunità terapeutiche per la cura delle dipendenze patologiche, ha ringraziato la Provincia autonoma di Trento, sia come istituzione, sia come comunità, fatta di persone e di tanti giovani, che ha invitato ad essere “protagonisti della propria autonomia personale per poi guardare all'autonomia istituzionale”.

 

Visibilmente commosso nel ricevere l’onorificenza Valerio Costa ha voluto ripercorrere gli anni di impegno e duro lavoro nella lotta alle droghe e alle dipendenze, ritornando con la memoria ai primi passi del Centro antidroga nel lontano 1974, “due stanze all'oratorio di San Pietro a Trento, senza targhetta e senza troppa visibilità, perché allora la legislazione, fortemente criminalizzante l’uso di qualsiasi sostanza illecita, imponeva ai medici l’obbligo di denuncia con il conseguente mandato di arresto e carcerazione”.

 

Costa ha voluto ricordare tutti i compagni di viaggio di questi 50 anni, con “un pensiero speciale a chi ha saputo vincere la battaglia contro le dipendenze e a chi non ce l’ha fatta ma ha combattuto per ritrovare la libertà”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato