Contenuto sponsorizzato

Olimpiadi delle Dolomiti 2026, Cortina lancia la candidatura: "Siamo in pole position. Il Trentino? Ci sono le elezioni, aspettiamo"

In Provincia di Belluno si respira fiducia e Cortina sogna di riportare la kermesse a cinque cerchi all'ombra delle Dolomiti dopo l'edizione del 1956. Roberto Padrin: "I giochi torneranno in Europa e siamo già pronti per ospitare questa grande opportunità"

Di Luca Andreazza - 04 aprile 2018 - 09:10

CORTINA. Alla fine è arrivata, i dubbi sono stati spazzati via. Dopo i 'Sì' di Regione Veneto e Provincia di Belluno, la manifestazione di interesse di Cortina è arrivata a destinazione di Coni e Cio. Obiettivo Olimpiadi invernali 2026 (Qui articolo).

 

Sono sette i Paesi che hanno fatto pervenire al Cio la manifestazione d'interesse a ospitare i Giochi del 2026. Oltre a Cortina, per l'Italia ci sono gli interessamenti di Milano e Torino.

 

Le altre in lizza sono Graz (Austria), Calgary (Canada), Sapporo (Giappone), Stoccolma (Svezia), Sion (Svizzera) e Erzurum (Turchia). Le candidature ufficiali saranno comunicate in ottobre, mentre la scelta della città organizzatrice è fissata per il 10 settembre 2019 nella sessione del Cio a Milano.

 

Spicca subito la 'particolarità' tutta italiana, tre città sul tavolo, mentre le altre Nazioni si sono concentrate a tirare la volata sulla propria scelta. "I tempi - dice Roberto Padrin, presidente della Provincia di Belluno -  sono stati stretti e forse non si è riusciti a fare sintesi, ma abbiamo intenzione di giocare le nostre carte fino in fondo, siamo fiduciosi per diversi motivi".

 

Quali? "Quella di Cortina - aggiunge il presidente bellunese - è la proposta migliore per gli aspetti ambientali e paesaggistici, ma anche a livello impiantistico e economico. In Italia non abbiamo rivali, la partita è forse più combattuta in sede del Comitato olimpico internazionale". 

 

L'agenda Tokyo 2020 impone un po' di austerity anche nell'organizzazione delle kermesse a cinque cerchi. "Sicuramente - evidenzia Padrin - non si andranno a fare investimenti e impegnare risorse come per gli appuntamenti di Sochi in Russia, PyeongChang in Corea del Sud e le prossime Olimpiadi di Pechino in Cina. Anche perché qui gli impianti di livello ci sono già, tolto il bob e qualche altra disciplina, si tratta solo di migliorare e adattare quanto esistente".

 

E qui potrebbero entrare in gioco il Trentino e l'Alto Adige tra stop, via libera e frenate. "Ovviamente - ammette il presidente - confidiamo in questa sinergia: superare barriere e confini per valorizzare un patrimonio invidiato nel mondo. I dubbi sono legati al momento contingente e alle imminenti elezioni di ottobre. Difficile che le attuali amministrazioni si possano sbilanciare. Comunque noi andiamo avanti, anche perché non bisogna dimenticare indotto e visibilità di questa operazione".

 

Se si legge lo studio di Innsbruck, realtà simile a quella di Trento, Bolzano e Belluno per impianti e morfologia, si parla di un investimento di almeno 1 miliardo e 300 mila euro. "Non abbiamo ancora definito il budget - commenta Padrin - ma ora si inizia a elaborare il dossier completo, puntuale e preciso per finalizzare la candidatura ufficiale, ma l'architettura complessiva ci fa ben sperare".

 

Alcuni dubbi sono legati alla gestione della sicurezza e villaggio olimpico se si dovesse allargare il raggio d'azione verso Trento e Bolzano. "Tutto si può superare - riconosce il presidente - serve sedersi intorno a un tavolo per discutere e arrivare preparati al traguardo".

 

Tanta fiducia quindi a Cortina, che sogna e si sente in pole position rispetto alle altre contendenti. "Sarebbe davvero straordinario - riconosce Padrin - riportare le Olimpiadi dopo 60 anni (Cortina 1956) tra le Dolomiti. Dopo tre edizioni si dovrebbe tornare nel cuore dell'Europa, quindi tante località sembrano destinate al taglio in partenza e non resterebbero tante contendenti".

 

Un punto debole di Torino è invece quello di aver ospitato i Giochi appena 12 anni fa, un lasso di tempo breve, brevissimo, "mentre per Milano - dice il presidente bellunese - non si capisce il progetto. Comunque Cortina rappresenta forse l'unica realtà davvero di montagna. Inoltre siamo già sede designata dei Campionati del Mondo di sci alpino del 2021: stiamo già lavorando a potenziare le infrastrutture e i rapporti con Giovanni Malagò (presidente Coni) sono ottimi".

 

Ma se Trentino e Alto Adige cedessero il passo? Si può ipotizzare un asse Milano-Cortina per rafforzare la candidatura o correte da soli? "In questo caso è necessario - conclude Padrin - verificare i regolamenti e le distanze, ma siamo disponibili a sederci intorno a un tavolo per il bene del Paese e riportare le Olimpiadi in Italia".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 18:14
Nelle ultime 24 ore sono state comunicate anche 114 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 15 dimissioni e 197 guarigioni
26 gennaio - 16:17

L'ultimo "Report valanghe" indica un "rischio marcato" su gran parte del Trentino. Un avviso di pericolo è stato emesso quest'oggi anche dal comune di Tre Ville. Possibili distacchi valanghivi ai piedi del monte Pancugolo e si allerta in merito a potenziali eventi anche in aree tipicamente gestite del comprensorio sciabile di Madonna di Campiglio sui versanti del Grostè e dello Spinale

26 gennaio - 18:29

Proseguono incessanti le operazioni di ricerca di Domenico Carrara, il 33enne insegnante a Bienno, nel Bresciano, scomparso da domenica dopo un'uscita per una passeggiata serale. Oltre 80 le persone impegnate, con 2 elicotteri

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato