Contenuto sponsorizzato

''Aiutateci a trovare il nostro pappagallo Kiko'': appello di una famiglia. Il lieto fine arriva da Facebook

La storia della famiglia di Marius Sirba, il cui animaletto era fuggito dal balcone: ''Ringrazio il signor Livio che lo ha ritrovato ed è stato proprio gentile''

Pubblicato il - 25 giugno 2019 - 12:53

MADONNA DI CAMPIGLIO. "Le mie bimbe erano disperate e anche a me veniva il magone": la famiglia di Marius Sirba ha vissuto tre brutti giorni la scorsa settimana, da quando il pappagallo di casa, Kiko, si era smarrito. La storia però ha avuto un lieto fine: l'animaletto è stato ritrovato anche grazie a Facebook.

 

A raccontare l'accaduto è lo stesso signor Marius Sirba: "Mia moglie ed io abbiamo due bambine di 5 e 7 anni e mezzo. Poi c'è Kiko, il "maschietto" di famiglia, il nostro pappagallo. In casa lo lasciamo libero".

 

Tutto è iniziato una mattina della scorsa settimana, ricorda: "Lavoro e viviamo a Campiglio, ma quel giorno eravamo a Dro in vacanza. Mi sono svegliato e ho aperto la porta finestra del balcone. Quella mattina non avevo coccolato Kiko, perciò quando sono uscito dalla finestra lui mi ha seguito. Era disorientato ed è volato via".

 

La famiglia di Marius Sirba ha subito avviato le ricerche: "Lo abbiamo cercato per tre giorni nelle vigne con il cellulare con la musichetta dei pappagallini che a casa gli facciamo ascoltare perché ripeta le cose. Di solito risponde e anche la prima sera lo sentivamo, ma non lo trovavamo".

Dopo diverse uscite lo sconforto era palpabile: "Il venerdì finivano le nostre vacanze e saremmo dovuti tornare a casa. Le bambine erano disperate a tornare a Campiglio senza Kiko e, francamente, anche a me veniva il magone a pensare di andar via senza di lui".

 

Quindi la decisione ("Mi hanno consigliato di farlo") di mettere un annuncio su Facebook: "Ho pubblicato una richiesta di aiuto su diversi gruppi della zona, poi un giorno è successo l'inaspettato. Una sera eravamo a Riva del Garda a fare una passeggiata, l'automobile era parcheggiata lontana. Erano le 21.30 circa quando mi è arrivata una telefonata: era una signora che diceva che suo cognato aveva il mio pappagallo. Lui non ha un profilo Facebook, è stata la cognata ad accorgersi del mio appello".

 

All'inizio l'incredulità era tanta: "Non ci credevo, pensavo che forse non si trattava del mio Kiko, o forse, visto che nell'ultimo messaggio sul social avevo offerto anche una ricompensa, si trattasse di una sorta di raggiro". Ma le cose, per fortuna, sono andate diversamente: "Non ho detto niente alle bambine, ho avvisato mia moglie e ci siamo precipitati alla macchina e quindi a casa del signor Livio che ci ha accolti gentilmente anche se erano le 22".

 

"Abbiamo fatto una sorpresa alle nostre bimbe - racconta sempre Marius Sirba - Appena abbiamo visto Kiko mia moglie ed io ci siamo commossi e lo hanno fatto anche il signore che lo aveva trovato e sua moglie. Era proprio Kiko! E il signor Livio è stato gentilissimo, non ha voluto alcuna ricompensa e, anzi, mi ha detto che anche lui è un amante degli animali e che capiva il mio stato d'animo. Ero talmente commosso in quel momento che non ho capito se lo ha trovato lui o glielo ha portato qualcuno, ma non importa. Desidero ringraziare pubblicamente il signor Livio per tutto quello che ha fatto per noi".

"Io infatti a quel punto - conclude Marius Sirba - ero ormai rassegnato, mi dicevo che Kiko non sarebbe più tornato e che lo avrebbero mangiato i tanti gatti che ci sono in zona. È stato tre giorni in giro da solo, ma ora è tornato a casa, sta bene e tutti assieme siamo tornati a Campiglio". Una "brutta avventura", insomma, che fortunatamente si è conclusa nel migliore dei modi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 luglio - 07:59

Proviamo a smontare un po' di dubbi e perplessità sull'incredibile vicenda che riguarda la fuga dell'orso scappato nella notte tra domenica e lunedì dal recinto del Casteller superando recinti elettrificati e dandosi alla macchia senza radiocollare. Ieri, poi, è spuntata una foto di lui in Marzola dove non ci sono mai stati né orsi né lupi ma la realtà è spesso più incredibile della fantasia soprattutto se alla base c'è una figuraccia tanto grande

16 luglio - 22:30

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

16 luglio - 19:29

La settimana scorsa il vicepresidente della circoscrizione di Gardolo, il leghista della prima ora Pacifico Mottes, ha ufficializzato la sua uscita del partito. Il segretario Bisesti: "Per l'affetto sincero che provo per lui non commento". Malumori ci sarebbero però anche in altre zone del territorio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato